Archivi della categoria: Cinema

L’amore di Hazel e Gus

Un film diverso per il pubblico dei “giovani adulti”: “Colpa delle stelle” In America puntano molto su un nuovo genere di film: gli “Young Adult movies”, cioè quell’insieme di pellicole destinate al pubblico dei “giovani adulti”. Categoria che, oggi, si è molto ampliata visto che per i sociologi lo stato adolescenziale si protrae, nella contemporaneità, fino ad età elevate. Dunque realizzare film per “young adult” … Continua a leggere L’amore di Hazel e Gus »

Estate, “Sapore di te”

Il ritorno dei fratelli Vanzina a Forte dei Marmi, nella scia dei film-vacanze L’estate, si sa, fa scappare il pubblico cinematografico, che preferisce stare all’aria aperta. Ma l’estate è stata ed è lo sfondo di moltissime pellicole che, a vario titoli, hanno fatto la storia del cinema. Chi non ricorda Edoardo Vianello che canta una delle sue hit più famose, “I watussi”, e Christian De … Continua a leggere Estate, “Sapore di te” »

Un vagabondo di cento anni

Se il personaggio creato da Charles Spencer Chaplin è stato il padre di molti comici a venire, quel saltabeccante quasi gentiluomo consegnato a cocenti ma inevitabili delusioni d’amore, ha radici letterarie remote. Ma rimane più vicino ai poveri dell’America di primo Novecento, e a quelli moltiplicati dalla Grande Depressione, gente che aveva fame realmente. Cento anni fa nasceva Charlot, uno dei personaggi più celebri della … Continua a leggere Un vagabondo di cento anni »

“Mai così vicini”: sentimenti della mezza età

Bob Reiner con “Mai così vicini” prosegue nel nuovo filone della commedia. A quasi trent’anni dalla commedia romantica per eccellenza, “Harry ti presento Sally”, il regista americano Bob Reiner torna a dirigere una storia d’amore “Mai così vicini” che si muove tra il comico e il sentimentale, con grazia e senza eccessi. Ma se allora i protagonisti della pellicola erano due giovani ragazzi appena usciti … Continua a leggere “Mai così vicini”: sentimenti della mezza età »

Giffoni ha scelto la differenza per fare la differenza

L’appuntamento per i ragazzi dal 18 al 27 luglio. Parla Claudio Gubitosi, direttore artistico di Giffoni Experience: “La differenza è la forza dell’evoluzione, anche se costa. Il genio è diverso e per la sua differenza compie un percorso doloroso attraverso la vita, ma è dalla sua differenza che otteniamo il dono dell’arte”. L’incontro con la Terra dei fuochi e la speranza della Multimedia Valley. La … Continua a leggere Giffoni ha scelto la differenza per fare la differenza »

Il gran ritorno di “Oz”

Nel film d’animazione “La leggenda di Oz” prosegue l’avventura di Dorothy “Da qualche parte, oltre l’arcobaleno…” cantava la giovanissima Judy Garland, fantasticando di un mondo idilliaco dove tutto è colorato, nel famosissimo film “Il mago di Oz” di Victor Fleming. La storia di una ragazzina che, con il suo cagnolino, si ritrova in una realtà fuori dall’ordinario e deve affrontare situazioni e personaggi di ogni … Continua a leggere Il gran ritorno di “Oz” »

Ad altezza di bambina

“Quel che sapeva Maise”, un film costruito sullo sguardo di una piccola Maisie è un’incantevole bimba di sei anni. Ha una mamma cantante rock, egocentrica, emotiva e isterica, un padre uomo d’affari, incapace di interagire con la figlia senza ritrovarsi a trattarla come una neonata di pochi mesi. Marito e moglie si odiano, si gridano contro, e si lasciano. A finire in mezzo, l’affidamento della … Continua a leggere Ad altezza di bambina »

Diverte ancora la guerra fra i sessi

In “Tutta colpa del vulcano” tocca a una coppia di divorziati duellare Cosa succede se una coppia di divorziati, che non è rimasta in buoni rapporti, anzi si detesta ferocemente, si ritrova bloccata in aeroporto, impossibilitata a raggiungere la Grecia dove la figlia sta per sposarsi? “Tutta colpa del vulcano”, il nuovo film interpretato dall’autore del film di successo “Giù al Nord”, Dany Boon, parte … Continua a leggere Diverte ancora la guerra fra i sessi »

Torna l’Oscar in Italia ma premia… la nostra decadenza

All’Academy piace rendere omaggio a opere che tratteggiano l’immagine di un’Italia e di un italiano sempre disastrati, per motivi reali e materiali o per motivi psicologici e morali. La “La grande bellezza” di Sorrentino ritrae una Roma opulenta, annoiata, spesso volgare e priva di ogni moralità. E’ stato così anche in passato con De Sica, Fellini, Tornatore, Salvatores e lo stesso Benigni. Dopo quindici anni … Continua a leggere Torna l’Oscar in Italia ma premia… la nostra decadenza »

Da “Spaghetti story” un bel calcio alla precarietà

Il regista romano-salernitano Ciro De Caro, trentanovenne che conosce bene la condizione di vita dei coetanei, si è autoprodotto un film low cost con 15mila euro (vendendosi l’auto), undici giorni di lavorazione e location in case di conoscenti. Il successo nelle sale di Roma e i produttori che l’hanno rifiutato a mangiarsi le mani. Giovani e cultura, un binomio vincente per chi sa rischiare. “In … Continua a leggere Da “Spaghetti story” un bel calcio alla precarietà »

Truffatori a servizio della Fbi

Tornano gli Anni Settanta con “American Hustle” di David O. Russel Dopo il successo di critica e di pubblico de “Il lato positivo”, David O. Russel torna al cinema con un’altra commedia, tratta da una storia vera, “American Hustle”. In inglese “hustle” significa truffa, inganno, e la storia della pellicola è proprio quella di una truffa ordita da un poliziotto Fbi per incastrare politici corrotti, … Continua a leggere Truffatori a servizio della Fbi »

“The Butler”, razzismo fuorigioco

È l’ultima pellicola che affronta il tema delle vessazioni contro i neri negli Usa La storia dei diritti civili dei neri americani, vista attraverso lo sguardo di un maggiordomo di colore che presta servizio alla Casa Bianca per oltre vent’anni. “The Butler” prende a prestito una storia vera e ci racconta la vita di un uomo umile che tocca però i momenti più importanti delle vicende … Continua a leggere “The Butler”, razzismo fuorigioco »

Il Gra tra sacro e profano

La vittoria a Venezia forse consacra un nuovo genere di racconto A 15 anni di distanza da “Così ridevano” di Gianni Amelio, un altro film italiano torna a vincere il Leone d’oro al Festival di Venezia. Si tratta di “Sacro Gra”, diretto da Gianfranco Rosi, che la giuria capitanata da Bernardo Bertolucci ha voluto insignire del premio più alto nella settantesima edizione del Festival del … Continua a leggere Il Gra tra sacro e profano »