Author: Paolo Bustaffa

Joaquín Navarro-Valls. Non solo i vaticanisti

“Mi sembra di capire che il direttore del Sir è una persona che non lavora da sola ma ha tanti colleghi quanti sono i direttori dei settimanali cattolici diocesani. È un’esperienza unica e straordinaria” In una battuta e con un sorriso Joaquín Navarro-Valls aveva risposto così alla presentazione dell’agenzia giornalistica Servizio Informazione Religiosa. Lo ricordiamo così nell’apprendere la notizia della sua morte avvenuta il 5 … Continua a leggere Joaquín Navarro-Valls. Non solo i vaticanisti »

Ue: solidarietà parola da ritrovare. Con un supplemento di progetto

La crisi dell’Europa viene da uno smarrimento culturale e spirituale dell’uomo europeo che è preceduto e accompagnato dall’eclissi della coscienza. Occorre dunque coraggio, cioè un moto del cuore capace di ridare vigore a un corpo malato e stanco. Le preoccupazioni dei cittadini, il ruolo della politica. E i segnali di speranza non mancano L’immagine che, più di altre, potrebbe descrivere oggi la realtà europea è … Continua a leggere Ue: solidarietà parola da ritrovare. Con un supplemento di progetto »

Europa fragile, Paesi deboli. La cura? Solidarietà reinventata e istituzioni al passo coi tempi

Le varie “crisi” che attraversano la “comunità di destino” fondata 60 anni fa obbligano a cercare, insieme, vie d’uscita originali ed efficaci, cominciando a riconoscere le “identità multiple” che convivono nel continente. La storia ha molto da insegnare, la politica deve fare la sua parte. “Non sta finendo il tempo degli Stati nazionali quanto il tempo dell’assolutezza e dell’esclusività del loro potere” C’è un pensiero … Continua a leggere Europa fragile, Paesi deboli. La cura? Solidarietà reinventata e istituzioni al passo coi tempi »

Giornalisti e “Sassi”

A Matera un incontro sulla comunicazione nel tempo di Francesco “Il rispetto della dignità della persona che va inteso come segno alto di professionalità giornalistica; la velocità che non deve mettere a rischio la qualità dell’informazione: non è importante arrivare primi ma arrivare meglio; la verità che deve essere incontrata e amata prima di essere difesa; la persona reale che va distinta dalla sua rappresentazione … Continua a leggere Giornalisti e “Sassi” »

A mia moglie Maria

Un valore “fuori concorso” nell’Oscar a Ennio Morricone Nella “Notte degli Oscar”, 28 febbraio, a Ennio Morricone è andato il prestigioso riconoscimento del valore artistico della sua opera. Dopo cinque nomination e un Oscar alla carriera nel 2007, ha ottenuto la statuetta per la colonna sonora di un film, il western politico di Quentin Tarantino “The Hateful Eight”. Applausi interminabili all’ottantaseienne musicista salito sul palco … Continua a leggere A mia moglie Maria »

Vennero a prendere me

“Prima di tutto vennero a prendere gli zingari, e fui contento, perché rubacchiavano. Poi vennero a prendere gli ebrei, e stetti zitto, perché mi stavano antipatici. Poi vennero a prendere gli omosessuali, e fui sollevato, perché mi erano fastidiosi. Poi vennero a prendere i comunisti, e io non dissi niente, perché non ero comunista. Un giorno vennero a prendere me, e non c’era rimasto nessuno … Continua a leggere Vennero a prendere me »

La grandezza dei piccoli

Un sogno nei perché dei bambini sulla storia dell’uomo Sui volti c’è il riflesso del loro pensiero sulla prima guerra mondiale. La telecamera li inquadra e certamente si comprende che dietro le loro parole ci sono una ricerca, un confronto e un sogno. Così nei giorni scorsi una trasmissione televisiva aveva disegnato un ponte tra i ragazzi di oggi e quanti, cento anni addietro, erano … Continua a leggere La grandezza dei piccoli »

Le due mediasfere

A confronto le notizie sul terrore e quelle sulla speranza Il vortice spaventoso di una violenza che si proclama islamica non lascia certo nell’indifferenza chi ai bordi della cronaca segue il tragico percorso. Le domande si susseguono e sopra tutte campeggia il perché non si riesca a contenere una furia disumana e devastante. Perché quel silenzio che papa Francesco ha denunciato più volte parlando, in … Continua a leggere Le due mediasfere »

Il furto della memoria

Ragazzi e giovani di fronte alle guerre di oggi e di ieri Le guerre che sconvolgono interi Paesi con armi belliche sempre più aggiornate e con armi mediatiche sempre più sofisticate arrivano agli occhi dei ragazzi e dei giovani. Vedono uomini che uccidono altri uomini, e l’uccisione è sempre un gesto atroce, vedono scene raccapriccianti di corpi senza vita, vedono patrimoni culturali dell’umanità ridotti in … Continua a leggere Il furto della memoria »

Anche le pietre parlano

Nelle piazze dopo volgarità, disprezzo e… colpi di pistola A volte ai bordi della cronaca c’è una domanda che nasce al termine di manifestazioni, di cortei, di scontri e, purtroppo, di morti che hanno come “teatro” la piazza. A Roma come a Mosca, ma l’elenco è infinito, questi particolari luoghi della città, dove le luci e le ombre della storia si sono continuamente alternate, hanno … Continua a leggere Anche le pietre parlano »

Dove passa il futuro?

Mai chiudere giornali e spegnere video ma sempre cogliere il significato più profondo dei fatti e dei pensieri che in entrambi si raccontano. Non è un esercizio facile. I racconti mediatici di violenze e umiliazioni portano molti a immaginarsi su un ring a subire i colpi di un avversario imbattibile. Si susseguono round nei quali il più delle volte si vedono costretti alla corda. Occorre … Continua a leggere Dove passa il futuro? »

Aldo Moro: parole oltre il tempo

Il monito di Aldo Moro e la crisi del senso del dovere “Questo Paese non si salverà, la stagione dei diritti e delle libertà si rivelerà effimera, se in Italia non nascerà un nuovo senso del dovere”. La frase, ormai storica, di Aldo Moro irrompe oggi in uno scenario dove le ombre della corruzione, dell’illegalità, della irresponsabilità sembrano non dissiparsi mai. Lo scenario è molto … Continua a leggere Aldo Moro: parole oltre il tempo »

Chi non corre è perduto?

Il passaggio da un anno all’altro richiama la bella immagine della staffetta 4×100 quando un atleta in corsa consegna a un altro il testimone. Sulla pista tutto accade molto rapidamente e secondo regole precise. Ed è la velocità a determinare l’esito della gara. Ma ciò che ha significato in una competizione atletica ha uguale significato nello snodarsi della vita dell’uomo nel tempo? Occorre sempre correre? … Continua a leggere Chi non corre è perduto? »

Davvero non danno fastidio?

Suore nelle periferie esistenziali contro l’indifferenza Pausa pranzo: nella hall del centro congressi romano dove si tiene il convegno sul tema delle periferie, che Papa Francesco indica come luoghi d’incontro con un’umanità ferita e smarrita, le suore gustano i panini preparati a casa e avvolti in un fagottino con una mela o un’arancia. Non c’è neppure il primo piatto caldo. Molte portano il velo, di … Continua a leggere Davvero non danno fastidio? »

I rumori e il brusio

La “preghiera” non fa notizia, ma spesso vola con i media Capita a volte che nei giornali si legga e nei servizi radiotelevisivi si senta la parola “preghiera” oppure il verbo “pregare”. E’ accaduto nei giorni scorsi per Gianluca Salviato liberato dopo otto mesi di sequestro in Libia. Alla domanda su quale risorsa l’avesse sostenuto in quella prova ha risposto: “Ho pregato…”. E ancora nei … Continua a leggere I rumori e il brusio »

“SpaceShip Two”: il disegno insabbiato

Conquista commerciale dello spazio e ricerca di infinito. Il disegno si è cancellato tragicamente il 31 ottobre con la morte di uno dei due piloti della navicella “SpaceShip Two” schiantatasi pochi minuti dopo lo sganciamento dalla nave madre “WhiteKnight Two”. Si è fermato, almeno per ora, il progetto del magnate britannico Richard Branson a cui appartiene la compagnia Virgin Galactic impegnata nella realizzazione del cosiddetto … Continua a leggere “SpaceShip Two”: il disegno insabbiato »

Un fatto bellissimo

Paolo VI ancora sulle strade della cultura e del pensiero “Questa vita mortale è, nonostante i suoi travagli, i suoi oscuri misteri, le sue sofferenze, la sua fatale caducità, un fatto bellissimo, un prodigio sempre originale e commovente, un avvenimento degno di essere cantato in gaudio e in gloria: la vita dell’uomo!”. Anche per chi sta ai bordi della cronaca questo è un criterio d’immenso … Continua a leggere Un fatto bellissimo »

Le lacrime e il sorriso

Le parole di Francesco: “L’umanità ha bisogno di piangere” “…l’umanità ha bisogno di piangere…”: hanno sorpreso queste parole di Papa Francesco a Redipuglia, non le si attendeva anche se quel luogo, dove è tenuta viva la memoria di una inutile strage, ispira pensieri dolorosi. Sono parole impreviste, sorprendenti e inquietanti. La cronaca mette ogni giorno di fronte alle lacrime di bambini, donne e uomini trascinati … Continua a leggere Le lacrime e il sorriso »

La tromba sull’altopiano

Dal centenario della Grande Guerra ai conflitti di oggi. Sull’Altopiano di Folgaria, ieri, domenica 27 luglio, Paolo Fresu ha suonato “Il Silenzio” in memoria dei Caduti della prima guerra mondiale. Le note uscite dalla sua tromba hanno attraversato i luoghi della sofferenza e della morte di uomini armati gli uni contro gli altri ma anche hanno mosso i loro passi sul “Sentiero della pace” che … Continua a leggere La tromba sull’altopiano »

Maggio: Prime Comunioni ai bordi della cronaca

Sono oltre i bordi della cronaca, anzi sono nella non cronaca. Non fanno notizia. In queste domeniche centinaia di migliaia di ragazzi e ragazze stanno vivendo per la prima volta nelle loro comunità parrocchiali il mistero più alto della fede cristiana. Un mistero per il quale ancora oggi nel mondo molti cristiani pagano con la vita la loro fedeltà a quel Dio che si è … Continua a leggere Maggio: Prime Comunioni ai bordi della cronaca »

Giovani ed economia: la grande sfida di Davos

Nuove generazioni di leader e nuove generazioni escluse: confronto o scontro su sviluppo e giustizia sociale? “Ciò che mi interessa in modo particolare è la maniera in cui l’economia cambia la vita delle nuove generazioni. Questa è la grande sfida di Davos”. È il commento di monsignor Diarmuid Martin, arcivescovo di Dublino, in margine dei lavori del 44° World Economic Forum che si è appena … Continua a leggere Giovani ed economia: la grande sfida di Davos »

La fragile autorità

Nei racconti mediatici di ogni giorno molti i protagonisti ma sempre più si avverte un’assenza che non è solo politica. Nomi, cognomi, fotografie. Volti sorridenti, volti spenti, volti tesi. Incontri a casa dell’uno, nella sede dell’altro. Discese e ritorni in campo e in piazza. Primi piani rigorosamente di minoranza e di maggioranza nei programmi e nei salotti televisivi. La rassegna mediatica sulla politica è senza … Continua a leggere La fragile autorità »

1914-2014: un centenario e una vigilia

Dalla memoria della “inutile strage” possono nascere pensieri e impegni grandi a pochi mesi dalle elezioni europee. Sono trascorsi cento anni. Non c’è Paese d’Europa che non porti ancora i segni di quella guerra che Benedetto XV denunciò come “inutile strage”. Uno scontro che, incominciato nel 1914, provocò nel triennio 1915-1918 oltre 16 milioni di morti di cui 10 milioni di militari e 6 milioni … Continua a leggere 1914-2014: un centenario e una vigilia »

Carlo Lizzani: le due solitudini

La speranza e la disperazione di fronte a un gesto tremendo che scuote la coscienza di credenti e non credenti. C’è una solitudine che, come un tarlo, scava un uomo, giorno dopo giorno, gli toglie il respiro dell’anima prima ancora che quello del corpo. È uno scavo silenzioso e muto ed è sempre troppo tardi quando ci si accorge dello scempio compiuto. E così davanti … Continua a leggere Carlo Lizzani: le due solitudini »

Papa Francesco e l’altezza dell’umiltà

Papa Francesco, la gente e il rosario al santuario della Vergine Aparecida. Stando a racconti trasmessi da una generazione all’altra, la Vergine Aparecida (Apparsa), sotto il nome di Immacolata Concezione, divenne la patrona della città di San Paolo in seguito ad un episodio risalente al XVIII secolo, quando alcuni pescatori, gettando le reti nel fiume Paraiba, portarono in superfice una statua decapitata della Vergine Nera. … Continua a leggere Papa Francesco e l’altezza dell’umiltà »

Carlotta e il suo violino

Il desiderio interrotto di una giovane musicista di incontrare, a Rio de Janeiro, Papa Francesco. Nessuno la vedrà ma ci sarà anche una ragazza bionda e con il suo violino a sorridere con i giovani che vivranno con Papa Francesco la 28a Giornata mondiale della gioventù a Rio de Janeiro. I media hanno parlato nei giorni scorsi di lei, Carlotta Nobile, violinista e direttore dell’orchestra … Continua a leggere Carlotta e il suo violino »

Benedetto XVI: presenza orante nel cuore di Roma

Piazza San Pietro

Benedetto XVI rimane nell’abbraccio della “citta eterna”, del Paese, del mondo. Roma mi è apparsa un po’ stranita questa sera, 11 febbraio 2013. Forse l’impressione che ho attraversando la città risente dei pensieri che mi hanno accompagnato lungo tutto il viaggio iniziato al Nord proprio quando le agenzie battevano la prima notizia sulle dimissioni di Benedetto XVI. Ma Roma è città eterna, il suo cuore … Continua a leggere Benedetto XVI: presenza orante nel cuore di Roma »