Azienda Sanitaria Locale

Scuole superiori su prevenzione patologie e benessere mentale: 150 gli studenti coinvolti

Si chiude con una Web Conference alla presenza di oltre 150 studenti, il percorso educativo e formativo integrato della Asl di Rieti sulle tematiche e problematiche relative alla salute della persona

Si chiude con una Web Conference alla presenza della Direzione Aziendale della Asl di Rieti e di oltre 150 studenti, in rappresentanza del Liceo Scientifico Jucci, Classico M. T. Varrone, Artistico Calcagnadoro, Istituzione Formativa Rieti e I.T.C Ragioneria di Borgorose, il percorso educativo e formativo integrato, intrapreso all’inizio dell’anno scolastico 2019-2020, volto a far conoscere alle giovani generazioni i Servizi sanitari ospedalieri e territoriali aziendali, orientandoli sulle tematiche e problematiche relative alla salute della persona.

L’iniziativa, che si svolgerà il 10 giugno 2020 a partire dalle ore 9, vedrà gli studenti impegnati on line con video e discussioni interattive. Nel corso dell’evento, i ragazzi si confronteranno, in teleconferenza, con la Direzione Aziendale della Asl di Rieti, con il responsabile dell’Unità operativa Attività Terapeutiche Riabilitative per i Disturbi da uso di Sostanze e nuove Dipendenze dottor Simone De Persis, con gli operatori del Servizio e con tutti i professionisti del Dipartimento Salute Mentale e Consultorio Adolescenti aziendali.

Al centro del percorso, coordinato dal sociologo Massimo De Angelis dell’Unità Attività Terapeutiche Riabilitative per i Disturbi da uso di Sostanze e nuove Dipendenze della Asl di Rieti e dalla professoressa Stefania Biscetti, referente per l’Educazione alla Salute del Liceo Jucci, il tema “L’uomo come un fine e mai come un mezzo”: un viaggio di educazione e prevenzione tra i mille volti del mondo giovanile, con momenti di ascolto, ma anche con attività ed iniziative di sensibilizzazione dei ragazzi a temi importanti, quali la prevenzione di patologie e la costante ricerca di un benessere mentale e emotivo.

Il progetto ha permesso agli studenti di consolidare una cultura della comunicazione, chiave d’accesso per qualsiasi relazione interpersonale e accrescere una capacità di assunzione di responsabilità, nel rispetto di sé e degli altri. Il percorso ha inoltre orientato i giovani ad abbracciare stili di vita sani e favorevoli alla salute fisica e psichica, prevenendo così fattori di rischio per il loro benessere e a costruire un rapporto di familiarità e di fiducia con l’Azienda Sanitaria Locale di Rieti, per semplificare le vie d’accesso ai Servizi di prevenzione e cura della persona.

Rispondi