Riserva dei Laghi, “La storia di un filo”

Con l’avvio a chiusura dell’anno scolastico 2017/2018 si valutano gli esiti della notevole attività svolta dal Servizio di Educazione Ambientale della Riserva Naturale dei Laghi Lungo e Ripasottile che hanno interessato molti settori tipici delle attività ambientali/divulgativi con particolare riscontro per i progetti didattici.

Tra questi “La storia di un filo” e il baco da seta, il più prezioso dei tessuti, ha visto la partecipazione di numerosi allievi degli Istituti Scolastici ricadenti nel territorio del Parco compreso Rieti.

Curiosità per la leggenda della “Madre del baco da seta”, la principessa cinese Lei-Tsu, prima sericoltrice che fece coltivare piante di gelso le cui foglie sono l’unico alimento del baco. I percorsi didattici hanno visto la collaborazione di specialisti esterni, nello specifico l’Archeologa tessitrice Assunta Perilli di Campotosto ci ha fatto conoscere l’antica arte della tessitura a mano e le lavorazioni tradizionali della lana, del lino e della canapa.

Le attività in situ, coordinate dal personale dipendente hanno consentito ai giovani di godere delle peculiarità dell’Area Protetta, di osservare l’albero di gelso in piena fioritura e di scoprire un paesaggio, risultato di un’incessante interazione tra opere dell’uomo ed evoluzione spontanea dell’ambiente naturale, dove questi alberi storici sono sopravvissuti all’opera di bonifica e sono custodi e testimoni di un antico sapere.

Rispondi