Bella giornata a Sutri per gli adulti di Azione Cattolica di Rieti e Civita Castellana

Una giornata domenicale in trasferta, per gli adulti dell’AC, che non voleva essere una semplice “gita fuori porta”, ma un momento di formazione e di comunione associativa. Una trentina di membri dei gruppi adulti dell’Azione Cattolica di Rieti si è recata in quel di Sutri, accolti dai fratelli della diocesi di Civita Castellana, una rappresentanza dei quali li ha attesi nella cittadina dalle origini etrusco-romane nota per essere il luogo della celebre “donazione” longobarda che costituì il nucleo originario del Patrimonium Sancti Petri, base del dominio temporale del papato.

La giornata ha visto i partecipanti svolgere un tour mattutino lungo le bellezze artistiche di Sutri, a partire dall’anfiteatro romano e dal Mitreo divenuto chiesa rupestre dedicata prima all’arcangelo san Michele e poi alla Vergine Maria, accompagnati da una brava “gruppettara” di un gruppo parrocchiale della zona che di professione è insegnante e guida turistica e che ha ben illustrato le mete visitate. A fine mattinata, visita alla concattedrale di S. Maria Assunta, per poi spostarsi nell’attigua sala parrocchiale dove i partecipanti sono stati ospitati per l’agape fraternamente condivisa.

Dopo pranzo, un bel momento di condivisione associativa, riflettendo in particolare sui testimoni di santità (santi, beati, servi di Dio) legati all’AC che costituiscono un modello per l’esperienza apostolica che i laici dell’associazione sono chiamati oggi a vivere nel quotidiano: un’oretta di riflessione e di scambio di idee, svolto con l’aiuto dell’incaricata regionale del Settore Adulti, Cristiana Polucci, appositamente giunta dalla sua diocesi di Palestrina per guidare questo momento delle due associazioni diocesane “sorelle”.

Al termine, rientro in chiesa per vivere, assieme alla locale comunità parrocchiale, l’eucaristia concelebrata dall’assistente diocesano reatino don Zdenek Kopriva assieme al vice parroco e a uno degli assistenti dell’AC di Civita Castellana.

Rispondi