Petrangeli: integrazione gomma-rotaia scelta obbligata e condivisibile

Abbiamo voluto riunire a Rieti gli attori principali in tema di mobilità, in vista dell’avvio della sperimentazione dello scambio gomma-rotaia, perché crediamo che il Comune capoluogo, pur non avendo deleghe su questi temi, debba svolgere un ruolo propositivo e di tutela dei diritti degli utenti.

Il tema del trasporto pubblico è molto importante in un territorio e in una provincia come la nostra. Ed è altrettanto importante sfruttare l’avvio di questa sperimentazione per rendere innovativi, efficaci ed efficienti i collegamenti da e per la nostra provincia.

Abbiamo segnalato alla Regione, a Cotral e a Trenitalia alcuni aspetti critici per i quali abbiamo chiesto degli approfondimenti. È importante, innanzitutto, che la sperimentazione produca un miglioramento delle condizioni di viaggio per i nostri pendolari e vogliamo evitare che i disagi del trasporto su gomma si sommino a quelli su rotaia. Il secondo elemento, fondamentale, è legato al fatto che la gomma è l’unico mezzo di trasporto che abbiamo verso Roma, ciò significa che bisogna usare molta cautela perché i reatini non hanno alternativa al trasporto su gomma. Questo è un elemento che non va mai dimenticato: in Italia siamo l’unico capoluogo di provincia a non avere a disposizione un collegamento su ferro verso il capoluogo di regione.

Sono convinto che l’integrazione gomma-rotaia sia una scelta obbligata e condivisibile, è evidente che questo è il percorso privilegiato, ma chiediamo alla Regione particolare attenzione per il nostro territorio che vive una situazione di isolamento ben nota.

La proposta che intendiamo rilanciare riguarda l’unica grande opera che serve a questa città: un collegamento ferroviario veloce con Roma via Terni. È un obiettivo possibile, che non richiede un impegno economico straordinario e che rappresenta la migliore soluzione per il nostro territorio.

One thought on “Petrangeli: integrazione gomma-rotaia scelta obbligata e condivisibile”

  1. Gabriele Bariletti

    La posizione del Sindaco, benché ancora debole, è condivisibile. Soprattutto per le parti che riguardano la estrema attenzione da porre anche in una inutile e dannosa sperimentazione intermodale – pretesa e imposta solo dall’assessorato trasporti della regione lazio e dal consigliere mitolo – e soprattutto per quel che riguarda il collegamento cardine di Rieti con Roma attraverso la ferrovia diretta via Terni

Rispondi