Cultura

Ritrovati in una grotta in Israele frammenti di una Bibbia del II secolo

Rinvenuti nel deserto di Giuda, poco distanti da Qumran, sono parti del libri dei profeti Zaccaria e Naum: sono tra i frammenti di rotoli biblici più antichi al mondo

In una grotta del deserto di Giuda in Israele sono stati trovati frammenti di un rotolo biblico di 2 mila anni fa: è il primo rinvenimento di questo genere dagli anni ’50. Un team dell’Autorità israeliana per le Antichità (Iaa), che dal 2017 scava in alcune grotte di quest’area la cui proverbiale secchezza favorisce la conservazione, ha trovato frammenti di un rotolo in greco del periodo di Bar Kokhba, l’uomo che nel Secondo secolo dopo Cristo guidò la terza rivolta giudaica contro l’impero romano.I frammenti, nascosti e protetti dai sedimenti di secoli, contengono testi dei profeti Zaccaria e Naum.

In una diversa area dello scavo sono state fatte altre straordinarie scoperte: il corpo mummificato di una bambina di 6000 anni fa, delle monete dello stesso periodo, dei frammenti biblici e una cesta integra di 10.000 anni fa, la più antica del suo genere. L’area del ritrovamento dei frammenti non è lontana da Qumran, il luogo dove fra il 1947 e il 1956 furono ritrovati gran parte dei celebri Rotoli del Mar Morto, circa 900 documenti tra i quali libri della Bibbia ebraica e testi della comunità locale. I rotoli del Mar Morto rappresentano la più antica testimonianza di un testo biblico, essendo datati tra il 150 avanti Cristo e il 70 dopo Cristo.

I frammenti dei rotoli presentati alla stampa sono stati trovati nella cosiddetta “grotta dell’Orrore” (per via del ritrovamento della mummia della bambina), nella riserva di Naval Herver. La grotta si trova 80 metri sotto la vetta della collina, è fiancheggiata da gole e può essere raggiunta solo calandosi con una corda. Secondo gli archeologi, è stata usata quasi 2000 anni fa dagli ebrei in fuga dalle rivolte antiromane seguite alla distruzione del tempio di Gerusalemme. Nei frammenti, scritti in greco, gli esperti Israeliani hanno ritrovato e ricostruito 11 righe di testo del libro del profeta Zaccaria e un versetto da quello di Naum.

da avvenire.it

Rispondi