#Me/We | Meeting dei Giovani di Greccio / I VIDEO. Terza giornata, Simone Morandini e Licia Colò

L’ultima giornata del meeting, prima del momento finale che avrebbe dovuto consistere nelle conclusioni tirate insieme al vescovo e che si è invece poi rivelato l’eccezionale evento dell’arrivo del Santo Padre, ha visto sedere al “salottino” della sala dell’Oasi il fisico e teologo Simone Morandini e la conduttrice tv Licia Colò. A loro il compito di attirare l’attenzione dei giovani su “La casa comune e la sua cura”. Un invito a considerare il Creato casa di tutti cogliendo il dato esatto di quella “ecoteologia” che soggiace all’enciclica di papa Francesco, da parte di Morandini: occorre, ha detto, «respirare lo spirito della creazione», di quella «incarnazione profonda» che ci chiede di far nostra la sofferenza della terra «nostra sorella», bisognosa di cura, e bisognosa urgentemente, visto che per intervenire seriamente non ci resta poi molto tempo.

Si è dibattuto in sala sulle posizioni che puntano a minimizzare l’allarmismo sui cambiamenti climatici, negandone la validità scientifica. Ma per Morandini non c’è motivo di non prendere sul serio l’allarme ecologico, e se anche fosse accertato che l’impatto umano su tali problematiche incide in misura parziale, non è un buon motivo per non fare la nostra parte. Stesso discorso la Colò, che ha invitato i ragazzi a diffidare delle accuse di animalismo ed ecologismo, perché davvero “tutto è connesso”, anche l’uomo con l’ambiente, e rispettando l’ambiente, gli animali, la vita del pianeta si salva innanzitutto l’umanità. La fede in questo ci soccorre, se ben si legge la Bibbia (dove, ha precisato il teologo, quel “dominate la terra” della Genesi è in realtà una traduzione inesatta di quel verbo ebraico che indica piuttosto un “prendersi cura” con l’amore stesso di Dio creatore). E l’esperienza confidata dalla conduttrice è quella di chi ha saputo superare difficoltà proprio grazie alla fede.

Scarica «Lazio Sette» (Rieti) 10 gennaio 2016

Scarica «Lazio Sette» (Regione) 10 gennaio 2016

Rispondi