Borgo Velino: gli Sbandieratori e Musici si “rinnovano”

Sabato 26 settembre, con il tradizionale spettacolo del famoso gruppo “velinate” in occasione dei festeggiamenti in onore di Maria SS del Santo Amore, c’è stato anche l’atteso esordio degli allievi della scuola di bandiera.

L’ingresso nella piazza del paese degli sbandieratori ha suscitato un entusiasmo iniziato il 17 agosto di 41 anni fa. Ma la vera apoteosi si è avuta all’ ingresso nella piazza dei nuovi sette piccoli sbandieratori.

Tra questi due bambine: la prima volta che lo storico Gruppo può annoverare tra i suoi componenti anche esponenti femminili, a testimonianza che la passione ha coinvolto anche bambine pronte a far volteggiare in cielo bandiere colorate. Dopo lo spettacolo apprezzatissimo dei “grandi” il pubblico è stato rapito dall’abilità dei giovanissini sbandieratori abilmente preparati dai maestri di bandiera di Borgo Velino.

Il lavoro di preparazione è durato un anno tant’è che i giovanissimi hanno magistralmente volteggiato le loro bandiere con virtuosismi e sincronismi degni della tradizione “borghettana”. I ripetuti e continui applausi hanno galvanizzato questi piccoli artisti. Insomma, non poteva essere un esordio migliore.

Al termine della loro esibizione sono stati consegnati i diplomi da sbandieratore a: Edorado Mariani 7 anni, Cristian Mannetti 8 anni, Nicolò Antonini 9 anni, Micol D’Eramo 9 anni, Valeria Matteo 10 anni, Cristopher Moronti 11 anni e Alessandro Foffi 11 anni.

Un particolare riconoscimento è stato consegnato al “Maestro” Matteo Fainelli che più di tutti ha seguito e curato la preparazione dei Giovani. Soddisfazione è stata espressa dal presidente del gruppo Valter De Santis per il quale “la neo scuola di bandiera per giovani, è la prova provata della valenza sociale nel territorio di questa Associazione, la cui storia e continuità nei decenni testimonia come anche in un piccolo Comune è possibile esaltare le potenzialità presenti nei giovani”.

“ La tradizione ultraquantennale – aggiunge De Santis- ha perciò ottimi presupposti per continuare ancora per tanti anni a portare il nome di Borgo Velino in giro per il mondo, attraverso un ideale, graduale ed esaltante passaggio di testimone, anzi, di bandiera…”.

Rispondi