Al Reate Festival la storia del violino in Italia

Fabio Biondi, dopo gli straordinari concerti con Europa Galante, è tornato sul palcoscenico del Teatro Flavio Vespasiano da violinista con un programma dedicato storia del violino in Italia nella prima metà del ‘700. Un recital già presentato in Spagna, Francia e negli Stati Uniti che ha riportato alla ribalta un violinista fuoriclasse, con un passato da enfant-prodige, lanciato giovanissimo in una carriera internazionale, a sedici anni invitato al Musikverein di Vienna per interpretare i Concerti per violino di Bach. Fabio Biondi suona un violino Andrea Guarneri (Cremona,1686) e un violino Carlo Ferdinando Gagliano del 1766, già appartenuto al suo Maestro Salvatore Cicero e messo a disposizione dalla omonima fondazione.

Foto di Massimo Renzi.

Rispondi