Chiesa Locale, In evidenza, Monti della Laga

Ricostruzione: tanti gli interventi sulle chiese terremotate

Basta affacciarsi un attimo nelle stanze della Curia vescovile riservate all’Ufficio Tecnico e a quello per i Beni culturali per capire quanto sia alto il livello di attenzione della diocesi di Rieti per le chiese che ricadono nei territori interessati dai quattro forti terremoti degli scorsi mesi. Sulle scrivanie e sugli schermi dei computer sono costantemente aperti disegni, pratiche, rilievi, disegni, progetti. Perché ogni edificio è importante: come bene in sé, ma soprattutto come luogo della comunità, come bene comune. Un discorso che non vale solo per le mura, ma anche per gli arredi, i paramenti, gli oggetti liturgici, i registri, i libri sacri. Cose spesso acquistate dalle parrocchie grazie alla generosità dei fedeli; memorie che si tramandano di generazione in generazione anche come segno di appartenenza.

Ecco allora che la diocesi di Rieti si muove su un doppio binario: da un lato cercando di recuperare e conservare quanto si trova all’interno delle chiese, dall’altro lavorando alla messa in sicurezza degli edifici. Un lavoro svolto a stretto contatto con il Ministero per i Beni Culturali e le amministrazioni comunali, ma anche “sul campo”, ascoltando i suggerimenti, le segnalazioni, le istanze della popolazione.

E mentre gli oggetti vengono stoccati e catalogati nel deposito individuato dalla diocesi allo scopo, attorno alle chiese crescono impalcature, si muovono imprese, si effettuano interventi di messa in sicurezza, nell’attesa di poter avviare la fase del restauro vero e proprio. Come nel caso della chiesa di Sant’Andrea Apostolo a Configno di Amatrice, sulla quale gli interventi sono quasi conclusi. Situata nel centro dell’abitato della frazione, la chiesa mostra danni e lesioni diffuse in tutto l’edificio, con un parziale crollo all’interno. Di conseguenza è stata disposta un’opera di tirantatura e puntellatura. Un intervento effettuato con un ponteggio collegato opportunamente alla struttura e cerchiato nella parte sommitale con funi d’acciaio. Un lavoro da estendere anche al campanile, che verrà circoscritto con tubi, giunti e fasce in poliestere.

Operazioni al traguardo anche per la chiesa di San Felice a Posta, che ha richiesto una tempestiva messa in sicurezza. L’edificio presentava infatti danni in alcune parti della struttura e soprattutto nella facciata. Durante i sopralluoghi, sono infatti stati rilevati l’incipiente espulsione dei blocchi di pietra del rosone e importanti lesioni nella zona dell’altare laterale di San Felice.
Anche le operazioni sulla chiesa del Santissimo Salvatore a Belmonte sono quasi concluse. I danni all’edificio sono stati evidenziati in alcune parti della struttura, in particolare nelle murature portanti, nel cassettone in copertura della navata della chiesa e nei controsoffitti delle cappelle laterali. Di conseguenza l’intervento disposto dall’Ufficio Tecnico ha visto la realizzazione di un’opera di protezione del soffitto a cassettoni e del controsoffitto della navata laterale. L’intervento nella navata centrale è stato realizzato con strutture a tubi e giunti di sostegno di telai di coronamento, mentre per la protezione della caduta di materiale slegato si poserà una rete in poliestere. Tutte strutture ancorate alla struttura portante dell’edificio.

E mentre i lavori su queste tre chiese vanno verso la consegna, altri progetti, come quello per il santuario di San Giuseppe a Leonessa, sono pronti a partire. Quasi a dire che la ricostruzione per le comunità colpite dal terremoto, in qualche modo, parte proprio dalle chiese.

Nato a Rieti nel 1974 è grafico e fotografo.

1 Comment

Rispondi