Vertenze industriali, iniziativa pubblica della Fiom

Nel pomeriggio del 17 ottobre la sala consiliare del Comune di Rieti ha ospitato un’iniziativa pubblica della Fiom Cgil di Rieti per fare il punto sulle varie vertenze industriali presenti nel nostro territorio e per parlare della riforma del mercato del lavoro varata dal Governo (Jobs Act).

«La crisi nel nostro territorio – ha spiegato il segretario Fiom Luigi D’Antonio – sta diventando sempre più pesante, con un aumento dei licenziamenti, del ricorso alla cassa integrazione e di altri ammortizzatori sociali. Per non parlare poi di aziende che ritardano il pagamento degli stipendi per mesi mettendo in seria difficoltà i lavoratori e le loro famiglie. Difronte a tale situazione è necessario che si diano risposte concrete alle varie vertenze aperte (Alcatel, Enterprise, Ritel, Schneider, Solsonica). Non è più possibile tenere tavoli aperti per anni senza che si diano soluzioni alle lavoratrici ed ai lavoratori».

«La situazione – aggiunge D’Antonio – rischia di diventare esplosiva anche sotto l’aspetto sociale. Servono impegni forti per far ripartire l’industria nel nostro territorio, e se pur importante l’accordo di programma è necessario che lo stesso parta il prima possibile e che sia aumentata la dotazione economica. Riteniamo i 20 milioni di euro previsti non sufficienti per far fronte alla situazione. Non pensiamo certamente che la soluzione sia concedere la libertà di licenziamento alle imprese con l’eliminazione dell’articolo 18, così come previsto dalla riforma del mercato del lavoro».

Secondo D’Antonio «Quello che serve alle lavoratrici ed ai lavoratori reatini è il lavoro e l’eliminazione di tutte quelle forme che hanno reso lo stesso precario e senza certezze in tutti questi anni».

Le conclusioni dell’iniziativa sono state affidate alla Segr. Gen. della Fiom Cgil di Roma e del Lazio Francesca Re David.

Rispondi