Papa Greccio

Valle Santa in fermento per l’arrivo del Santo Padre

Ultimi preparativi in corso per quella che si profila come una storica giornata per la Valle Santa reatina, che oggi pomeriggio riceve la visita del Santo Padre Francesco al santuario francescano di Greccio

Ultimi preparativi in corso per quella che si profila come una storica giornata per la Valle Santa reatina, che oggi nel primo pomeriggio riceverà la visita del Santo Padre Francesco al santuario francescano di Greccio.

All’eremo addossato al Monte Lacerone, legato al ricordo del primo presepe, è tutto pronto per accogliere papa Bergoglio, che giungerà in elicottero nel piazzale sotto il convento e poi raggiungere, accompagnato dal vescovo monsignor Domenico Pompili e dal padre guardiano Francesco Rossi, la grotta che conserva la memoria di quel Natale 1223 in cui san Francesco realizzò la prima rappresentazione della Natività. Qui, nel breve momento di preghiera, alla presenza dei religiosi francescani, il Pontefice firmerà la sua lettera dedicata allo spirito del presepio.

Salirà quindi verso la chiesa grande dedicata all’Immacolata, all’esterno della quale saranno radunati alcuni abitanti di Greccio e alcuni bambini. In chiesa, dove il Papa presiederà una celebrazione della Parola, ci saranno i sindaci dei Comuni del territorio diocesano con le altre autorità civili, la rappresentanza del clero, dei religiosi, delle aggregazioni laicali e realtà pastorali della diocesi.

I fedeli potranno accedere fino al piazzale del parcheggio sotto il santuario, dove sarà allestito un maxischermo che permetterà di seguire l’evento. L’accesso all’area sarà consentito, fintanto che lo spazio lo consentirà, esclusivamente passando da Greccio paese e parcheggiando lungo la strada tra il centro storico e il santuario, sul lato destro.

Tutti da casa potranno seguire l’evento, attraverso la diretta del Centro Televisivo Vaticano, sull’emittente cattolica Tv 2000, che si collegherà con Greccio a partire dalle 15.55, oltre che in streaming sul sito della Santa Sede www.vatican.va.

Rispondi