«San Francesco meu bellu»: la poesia di Anna Nicoletti

In occasione dell’approssimarsi degli eventi legati a san Francesco e alla Valle Santa un’amica mi introduce ad una lieta poesia di Anna Nicoletti, reatina classe 1925. Una invocazione il cui potere evocativo del dialetto fa da trama al un paesaggio narrativo dell’omonimo quartiere, dove la nostra è nata e vive.

Orazione a san Francesco

San Francesco meu bellu
che de carità è modellu,
tu che è cocì potente,
dà aiutà tutta la gente,
tutti pieni de speranza,
te spedemo esta istanza.

Allontana da sta tera
chi faria sempre la guera,
fa enì l’era beata
che la gente affratellata
dà la pace e lu lauru
stie ne un munnu più sicuru.

Fa che calenu le tasse:
luce, acqua, ici e gasse,
che li ricchi, troppo n’gordi
caccenu n’po’ più de sordi,
manna fiddu manna sole
manna via ello checce ‘ole.

Manna frutti a la campagna
che sennò mancu se magna.
Fa che pure lu norcino
coppa lonza e cotechinu
ce lo faccia onestamente
cò lu porcu solamente,
e non più, Franciscu me,
tutta l’arca de Noè.

Fa che pure lu poerittu
se repare sotto a un tittu.
La ciommaca, fortunata,
ce te casa assicurata
e la porta sempre appressu
fa pe nnù pure l’istessu:
facce nasce ne la schina
una cammora e cucina.

Stretta la foglia, larga
la via, grazie tante e così sia.

Anna Nicoletti in passato si è dedicata alla poesia, sia in lingua che in vernacolo. Per la poesia dialettale ha partecipato più volte ad importanti premi letterari, da ultimo “Farfalla d’argento” nel 1993. È l ‘ultima discendente della nota famiglia di artigiani che deve i natali tra gli altri a Giordano, autore della Statua di San Francesco sita a ridosso del Duomo; a sua volta figlio di Benvenuto, noto ebanista. L’Orazione a San Francesco, nel testo che precede, è stata emendata dall’amatissimo professore e letterato Savino Pasquetti.

Rispondi