Pirateria informatica, la Finanza di Poggio Mirteto sequestra Pc e software

Nel corso di indagini volte alla tutela del diritto d’autore, i finanzieri di Poggio Mirteto hanno sottoposto a sequestro sei personal computer, installati e perfettamente funzionanti all’interno di un internet point sito in Fara Sabina.

All’interno dei pc erano installati, privi delle licenze d’uso, sistemi operativi e programmi usati per videoscrittura, fogli di calcolo ecc.

Il titolare dell’esercizio è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria per violazione alla normativa che tutela il diritto d’autore.

Oltre alle sanzioni penali vanno aggiunte quelle amministrative, pari al doppio del valore di mercato dei software illegali rinvenuti.

La produzione e l’utilizzo di software e di codici informatici, al pari di tutte le altre opere dell’ingegno umano, sono tutelate dal diritto d’autore.

L’attività della Guardia di Finanza in tale settore si inquadra nel più generale contesto della lotta alla pirateria ed alla contraffazione, fenomeni questi che, in tutte le loro più svariate forme, rappresentano uno dei reati che maggiormente danneggiano l’economia legale nel nostro Paese.

(Comunicato Guardia di Finanza)

One thought on “Pirateria informatica, la Finanza di Poggio Mirteto sequestra Pc e software”

  1. Acor3

    io non capisco come ancora c’è gente che installa, in ambito lavorativo, sistemi operativi pirata quando usando software opensource si è più liberi e meno vincolati.

Rispondi