Panorama degli anni ’20

Così, quieta e sorniona, appariva la città dall’alto del colle Belvedere negli anni Venti del Novecento. La datazione, per quanto approssimativa, è resa possibile dal fatto che la cintura verde ai margini dell’abitato non è ancora segnata dalla ciminiera della Supertessile. Rieti, che nel censimento del 1911 faceva registrare la presenza di 21.006 cittadini, in cento anni ha poco più che raddoppiato il numero dei suoi abitanti espandendosi in una maglia edilizia eterogenea dapprima al di là del tracciato delineato dalla ferrovia, urbanizzato fin dal primo dopoguerra erodendo la zona orticola delle Porrara, poi nel secondo dopoguerra prosciugando le cavatelle artificiali per costruire il quartiere di Città Giardino, infine dando vita alla nuova area di espansione di Campoloniano.

One thought on “Panorama degli anni ’20”

  1. alessandra

    ..l’immagine non si riferisce agli anni ’20. Si scorge infatti la Torre Comunale, che è datata agli anni ’40 dopo il progetto Battistrada.

Rispondi