Benessere

Il Centro Famiglie Velino e il progetto Zerouno accanto alle comunità della Valle del Velino

Promosso dalla VI Comunità Montana del Velino e dalla Regione Lazio, è un luogo pensato per la promozione del benessere delle famiglie e si trova a Posta, all’interno dello spazio Don Milani

Il Centro Famiglie Velino, inaugurato nei mesi estivi con la manifestazione per ragazzi MiniVelino, è in piena attività, con azioni rivolte alla popolazione dell’intera valle. Promosso dalla VI Comunità Montana del Velino e dalla Regione Lazio, è un luogo pensato per la promozione del benessere delle famiglie e si trova a Posta, all’interno dello spazio Don Milani, in via Roma 103. Il centro è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 13, con attività pomeridiane secondo la programmazione. Tutti i servizi sono svolti da un’équipe multidisciplinare, formata da personale specializzato negli interventi: educatori, psicologi e assistenti sociali dell’ente gestore del servizio Prossimità Scs Onlus.

Diverse sono le attività proposte.

Per adulti:
– mediazione familiare
– supporto psicologico e sostegno alle genitorialità
– laboratori tematici
– servizio informa affido

Per bambini e ragazzi:
– gruppi psico-educativi
– attività artistiche e laboratoriali
– attività sportiva con esperti esterni
– supporto didattico in gruppo

Un punto di forza dell’intervento psico socioeducativo è la rete attiva tra il servizio, i comuni, la Asl Rieti, le scuole e le associazioni locali. Un’attenzione particolare è rivolta ai genitori con bambini fino al compimento del primo anno, attraverso il programma ZeroUno: laboratori tematici specifici, genitori a confronto, accompagnamento psicoeducativo alla nascita e percorsi personalizzati.

Per altre informazioni, si può contattare il Centro ai numeri 0746.814803 – 370.3719214, oppure all’indirizzo centrofamiglie@gmail.com e alla pagina facebook Centro Famiglie Velino.
Con l’occasione, si ricorda che attraverso il programma ZeroUno sono in consegna i kit nascita omaggio con prodotti per la prima infanzia, riservati ai neonati del territorio; chi non l’ha ancora ritirato, può rivolgersi al centro.

Rispondi