Chiesa di Rieti

Fede e fiducia per fare comunità

I ragazzi del Centro Pastorale Diocesano di Piedicolle hanno ricevuto il Sacramento della Confermazione e hanno deciso di proseguire il cammino di fede, arricchendosi con il programma formativo del Cammino post Cresima in seno allo stesso Centro pastorale.

Io sono il Pane vivo disceso dal Cielo; chi mangia di questo pane vivrà in eterno. Questo il motto assunto con forza di spirito dai ragazzi del Centro Pastorale Diocesano di Piedicolle che nel giugno appena trascorso hanno ricevuto il Sacramento della Confermazione e che hanno deciso di proseguire il cammino di fede, arricchendosi con il programma formativo del Cammino post – Cresima in seno allo stesso Centro pastorale.

Guidati dai loro catechisti Maurizio e Vilma, non si sono lasciati pregare nel radunarsi nella struttura polifunzionale di Piedicolle in una due giorni di spiritualità, giochi e convivialità.

Iniziando sabato 1° settembre con l’invocazione allo spirito, hanno scoperto un lato della fede molto particolare: la fiducia. Un termine, questo, con una radi ce semantica affine al dono dello Spirito Santo della Fede, con la quale è strettamente connessa, in un connubio di generazione e rigenerazione. La fiducia è stata scoperta grazie alla visione di video e di filmati cinematografici pre – selezionati dalle due ragazze, Benedetta e Chiara, che si stanno cimentando in una sorta di tirocinio formativo, affinché siano la nuova generazione catechistica del Centro stesso.
Hanno fatto seguito dei giochi di coppia e di ruolo, in cui l’esperienza formasse i cuori e aprisse la mente al concetto in sé di fiducia, perché si sa: l’uomo deve sperimentare la conoscenza per scoprire sé stesso.

La serata si è poi conclusa con una cena a base di pizza, offerta da Don Pietro Janik, responsabile della struttura e del cammino catechistico, purtroppo assente per un pellegrinaggio con la Parrocchia di San Michele Arcangelo in Rivodutri.

La notte, poi, passata presso la struttura è stata caratterizzata da momenti di divertimento e di relax, fino alla buonanotte data l’Ufficio della Compieta.

La domenica mattina, poi, iniziata con il suono della sveglia di Maurizio e dai dolci di Vilma e delle mamme, è culminata con la Santa Messa, durante la quale Padre Giuseppe, frate di Poggio Bustone, presidente della Divina Liturgia domenicale, ha esortato i giovani a tramutare la fiducia conosciuta in fede verso il Cristo, unico vero Maestro ed esempio della vita umana. Così tanta fiducia ebbe Dio nell’uomo, da divenire Egli stesso Uomo.

Dopo l’abbondante pranzo spirituale non potevano mancare i manicaretti di Vilma e delle riflessioni finali per digerire quanto assimilato.
Con la speranza che questo ritiro abbia formato nuovi spiriti, i ragazzi del Cammino post – Cresima sono pronti per affrontare il nuovo cammino.

Rispondi