Sport

Dal Rieti Sport Festival, Ghedina e Rocca lanciano un appello per le Olimpiadi 2026

Presenti alla conferenza sullo sci nel villaggio dello sport reatino, i Campioni dello sci rispondono alla Svezia che scende in campo i reali. Giorgio Rocca: «Noi abbiamo le Dolomiti, le nostre regine»

Dal Rieti Sport Festival, la festa dello sport del centro Italia, un mercoledì da leoni dedicato ai campioni di sci Giorgio Rocca e Kristian Ghedina, presenti a Rieti per la conferenza nazionale sullo sci nella sala riunioni della sede della Sabina Universitas presso Palazzo Dosi, al termine della quale hanno ricevuto il Premio Rieti Sport Festival 2019, assegnato ogni anno a sportivi e vip che promuovono i valori sportivi.

Durante la conferenza, i Campioni di sci rispondono alla notizia uscita sui quotidiani nazionali della discesa in campo dei reali di Svezia a sostegno della candidatura alle Olimpiadi 2026. C’è infatti una grande attesa per il prossimo 24 giugno, il giorno in cui il CIO, nella sede di Losanna, assegnerà i Giochi del 2026.

Cresce la rivalità tra l’Italia e la Svezia per l’assegnazione. Una partita tirata fino all’ultimo in cui per Stoccolma scende in campo la famiglia reale a sostegno della candidatura. La risposta italiana arriva immediata dai due campioni di sci, Giorgio Rocca e Kristian Ghedina, ospiti oggi, 12 giugno, al Rieti Sport Festival per ricevere un premio per la promozione dei valori sportivi. Dopo una bella partita di padel sul campo del villaggio sportivo nel bel mezzo della città, i pluricampioni sono stati i protagonisti di una conferenza sullo sci.
Giorgio Rocca, ambassador del Comitato per la candidatura Milano- Cortina alle Olimpiadi 2026, alla notizia della discesa in campo della famiglia reale risponde: «Con tutto il rispetto dei reali, in Italia le Alpi sono le nostre regine! Abbiamo un paesaggio unico al mondo, ricco anche di storia. Le Olimpiadi sono importanti per coinvolgere i giovani nello sport che, insieme alla musica, è l’alleato migliore per la crescita delle nuove generazioni. Ringrazio il Rieti Sport Festival che ha realizzato una grande festa dello sport includendo tutti».

Importante appello anche dal Brand Ambassador dei Mondiali di Sci 2021 già assegnati all’Italia, Kristian Ghedina : «A Cortina già è tutto pronto per il Mondiale, con nuove tecnologie, innovazione ed ecosostenibilità, quindi sarebbe un luogo ideale anche per le Olimpiadi».

Ma loro, gli svedesi, hanno i reali – evidenzia un giornalista – e Ghedina risponde «Noi abbiamo Cortina, la nostra Queen of Speed, e ricordo che le Dolomiti sono da 10 anni patrimonio mondiale dell’Unesco».

I campioni amatissimi anche dai più piccoli hanno fatto selfie con i giovani sciatori del Monte Terminillo, una montagna che merita un rilancio per la bellezza paesaggistica e la sua storia. Molti anche gli autografi per gli appassionati di sci in piazza.

Presente all’incontro nel capoluogo sabino anche il Presidente regionale del Coni, Riccardo Viola, che ha portato i saluti del Presidente Nazionale Giovanni Malagò, in queste ore super impegnato ad intercettare tutti i voti necessari per l’assegnazione. Viola fa un plauso agli organizzatori del Rieti Sport Festival che sono riusciti a creare un mega villaggio dello sport nel cuore della città, nella stessa direzione del progetto della Regione Lazio “Sport in piazza”.

Un parterre di autorevoli relatori ha partecipato alla conferenza sulle nuove frontiere dello sci e sul potenziale degli eventi sportivi per lo sviluppo del territorio; Riccardo Maggioni Funder e Co-funder di Snowit, Lorenzo Tardini Fondazione Cortina 2021, Sergio Palau Ceo Interlinea Milano.

La IV edizione del Rieti Sport Festival che proseguirà fino al 16 giugno ha già premiato sportivi e vip per la promozione dei valori dello sport; Siniša Mihajlović, Tommaso Paradiso, Tomas Lavik, Airton Cozzolino, Max Giusti. In arrivo il 14 giugno Ivan Zazzaroni.

 

Rispondi