Sport

Casertana Rieti: cronaca, commenti e tabellini

Le dichiarazioni di mister Capuano: «Sono molto onesto, mi girano per averla persa così. Sapevamo di trovare una squadra molto forte, ma nonostante avessimo in campo gente arrivata da pochi giorni l’abbiamo preparata bene».

Le dichiarazioni di mister Capuano: «Sono molto onesto, mi girano per averla persa così. Sapevamo di trovare una squadra molto forte, ma nonostante avessimo in campo gente arrivata da pochi giorni l’abbiamo preparata bene. Il primo è un gran gol di Castaldo, il secondo è da guinness dei primati. Ai miei ragazzi posso fare solo i complimenti, è quello che ho detto negli spogliatoi. Dopo il primo gol ci siamo un po’ esposti cambiando modulo e passando al 3-4-1-2, però perderla in questo modo da fastidio. Comunque complimenti alla Casertana, chi vince spiega e chi perde sta zitto. Per me Caserta è una bellissima piazza, vengo accostato a questa panchina ogni volta che c’è la possibilità, ma in questo momento con Esposito e Di Costanzo la Casertana può fare bene. Oggi se avessimo pareggiato non avremmo rubato nulla, per impegno e sagacia tattica meritavamo, ma ha vinto la Casertana ed è giusto così. Con più allenamenti nelle gambe possiamo fare molto bene e raggiungere l’obiettivo. Sicuramente sarà difficile raggiungere la salvezza, ma con questa nuova società, con due acquisti in più, possiamo fare molto bene. A Pepe avevo detto di marcare Castaldo, lo conosco bene, ma sul gol non accorciato, il secondo gol è un errore del portiere, ma il ragazzo è anche un buon elemento purtroppo pecca di esperienza. Avevamo molti ragazzi giovani in campo, molti classe 1999, ma sono molto soddisfatto di quanto hanno fatto i ragazzi. Molti giocatori sono arrivati ieri, Zanchi, Marchi, Brumat, Cernigoi e nonostante il poco allenamento sono contento di come abbiamo giocato questa gara».

Le parole di Andrea Zanchi: «Avevamo sperato di portare un punto a casa, ma sapevamo di trovare una squadra con giocatori di categoria superiore. Noi siamo una squadra nuova, in molti siamo arrivati ieri, eppure al pareggio ci abbiamo sperato perché ci siamo difesi in maniera ordinata per tutta la partita. Purtroppo il calcio piazzato ha spostato l’equilibrio. L’obiettivo rimane la salvezza, ci vorrà un po’ di tempo per amalgamarci, io sono stato fermo due mesi e allenarsi da solo è diverso rispetto ad un allenamento con la squadra. L’esperienza di Piacenza non è stata bella perché alla fine uno stipendio, anche se giochi a calcio, è giusto riceverlo. Queste situazioni fanno male al calcio, al movimento calcistico e spero che si possano evitare in futuro certe condizioni».

Rispondi