Il jazz italiano per le terre del sisma: sabato 2 settembre appuntamento ad Amatrice

Quest’anno Il Jazz Italiano si fa in quattro e si trasforma in “Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma”, una maratona musicale che comincia il 31 agosto da Scheggino in Umbria, passa il 1° settembre per Camerino nelle Marche e il 2 settembre per Amatrice nel Lazio, fino a giungere il 3 settembre a L’Aquila in Abruzzo.

Il progetto è coordinato e gestito da Associazione I-Jazz. Associazione Midj e Casa del Jazz con il contributo del Mibact ed il main sponsor SIAE- Società Italiana degli Autori ed Editori. Il Fara Music Festival di Fara in Sabina, alla sua undicesima edizione sotto la direzione artistica di Enrico Moccia, coordinerà la giornata del 2 settembre ad Amatrice. Sarà un tributo allo Swing, con alcune delle formazioni più interessanti del panorama italiano che si alterneranno sul palcoscenico. Ad aprire il programma de “Il Jazz Italiano per le Terre del Sisma – Amatrice – Lazio” un’anteprima da non perdere che avrà come protagonisti, la tromba di Paolo Fresu e il bandoneon di Daniele Di Bonaventura.

Questo evento di apertura è promosso da Croce Rossa Italiana che, analogamente a quanto accaduto lo scorso anno, collabora in modo associativo con Io Ci Sono Onlus alla costruzione del Centro Polifunzionale di Amatrice ed alle successive attività socio-culturali che daranno vita e respiro proprio alla struttura oggetto della raccolta fondi “un teatro per Amatrice” che ha visto protagonista il jazz italiano in oltre 30 città lo scorso anno.

Per quanto riguarda le performance artistiche, Il Corpo Bandistico di Paganica vera e propria marching band della giornata, si alternerà con 4 progetti swing del panorama nazionale, ovvero: Dr. Jazz & Dirty Bucks Swing Band, Pepper and The Jellies, Swing Dogs, Piji Electro Swing Project.

Programma

 

di fronte al futuro Centro Polifunzionale

Evento di apertura promosso da Croce Rossa Italiana

Paolo Fresu & Daniele di Bonaventura | 16.00

Paolo Fresu (tromba) e Daniele di Bonaventura (bandoneon)

 

Piazzale ex Istituto Alberghiero

nei pressi del COC (Centro Operativo Comunale) – viale Saturnino Muzii

Corpo Bandistico di Paganica | 17.00

Gioni Fantin (direzione); Flavio Tursini, Francesco Cocciolone, Luca Giuliani, Gianmarco Cioccolini, Samuel Cocciolone, Giulia Centi (clarinetto); Mirko Giosia (ottavino); Noemi Tarquini, Marika Risdonne, Lorenzo De Cesaris (flauto); Francesco Sarcina, Federica Crescenzo (sax soprano); Antonello Ferella, Alfredo Marinelli, Emidio Contestabile, Alessandra Crescenzo, Giuseppe Pace (tromba);

Achille Baiocco, Saverio D’Innocenzo, Liberato Pace (flicorno contralto); Quirino Palumbo, Elisa Barbarossa, Isabella Fantin, Piero Speranza, Irma D’Amico (sax contralto); Francesco Forte (trombone); Anacleto Filipetti; Edoardo Silvestri (flicorno tenore); Lino Crescenzo; Antonio Gargarella; Lorenzo Calcari, Giannantonio Coia (sax tenore); Galli Stefano (sax baritono); Simonetta Sarcina, Antonio Contestabile (basso tuba); Fabrizio Adami (basso elettrico); Giovanni Cecili, Gabriel Fantin (percussioni); Daniele Ciocca (batteria); Angela Coletti (voce)

Dr. Jazz & Dirty Bucks Swing Band | 18.00

Alfredo Verga “Dr. Jazz” (chitarra, voce); Alessandro Panella “Mr. Groove” (contrabbasso); Luciano De Ioanni “Mr. Chugga” (batteria); Antonello Rapuano “Mr. Bix” (pianoforte)

Pepper and The Jellies | 19.00

lenia “Pepper” Appicciafuoco (voce,washboard, ukulele, kazoo); Marco Galiffa (chitarra); Emiliano Macrini (contrabbasso); Andrea Galiffa (percussioni)

Swing Dogs | 20.00

Guido Giacomini (contrabbasso, voce); Luca Filastro (pianoforte); Stefano Nencha (chitarra); Piercarlo Salvia (clarinetto, sax)

Piji Electro Swing Project | 21.00

Piji (chitarra, voce); Egidio Marchitelli (live electronics, chitarra); Saverio Capo (basso, cori); Angelo Olivieri (tromba); Luca Velotti (clarinetto); Moreno Viglione (chitarra manouche); Pasquale Angelini (batteria)

Rispondi