Chiesa Locale, Rieti

Azione Cattolica festeggia 96 anni dalla fondazione. Serata in fraternità e spettacolo

Il 2017 segna per l’Azione Cattolica Italiana l’anno del 150° di fondazione a livello nazionale. Per l’AC reatina, invece, gli anni sono di meno: risale infatti al 1921 la fondazione del primo circolo di Azione Cattolica nella diocesi di Rieti. È il 13 luglio la data esatta, il giorno in cui don Silvio Romani fondò il primo nucleo dell’associazione (un circolo femminile intitolato alla martire sant’Agnese) nella allora parrocchia di S. Eusanio.

Da alcuni anni è invalsa la consuetudine di festeggiare tale “compleanno” con un momento di preghiera e di fraternità ogni 13 luglio. Anche quest’anno l’Azione Cattolica diocesana vuole celebrare il suo 96° anniversario di presenza a Rieti con un appuntamento che si inquadra nel clima del 150° dell’associazione nazionale, ma anche con il pensiero rivolto al lembo della diocesi sconvolto dal terremoto dello scorso agosto. È stata così programmata la serata che si svolgerà sabato 15 luglio (due giorni dopo, dunque, la data precisa del “compleanno”) e sarà ospitata nella parrocchia di Vazia (il cui parroco, don Zdenek Kopriva, è l’assistente unitario dell’AC diocesana). Appuntamento alle 17.30 presso il complesso parrocchiale S. Maria Assunta (nella via omonima, area artigianale di Vazia); alle 18 la celebrazione della Messa festiva, quindi momento conviviale.

Seguirà un momento dedicato a presentare le attività associative e in particolare il progetto che l’AC reatina sta portando avanti a favore della rinascita economica delle aree terremotati, promuovendo il sostegno a due aziende di allevatori presenti a Illica e a Terracino, frazioni del comune di Accumoli, convogliandovi le offerte che dalle realtà – di AC e non – di varie parti d’Italia e anche dall’estero giungono in diocesi con tale finalità.

Subito dopo, un momento di spettacolo, offerto dal gruppo teatrale “La Cantinella”, che metterà in scena la commedia dialettale “Ello che addà enì”.

La partecipazione all’iniziativa è aperta a tutti. Anche alla serata con la rappresentazione teatrale si potrà liberamente assistere, con libera raccolta di offerte a favore del suddetto progetto di aiuto alle aziende terremotate.

Rispondi