Azienda Sanitaria Locale

Sieroprevalenza nelle scuole: eseguiti 2676 test

La Asl di Rieti istituisce sezione informativa online con FAQ, documenti e riferimenti normativi sulla gestione dell’epidemia Covid-19 nelle scuole

La Direzione Aziendale della Asl di Rieti comunica che ad oggi sono 2676 gli operatori delle scuole della provincia di Rieti che si sono sottoposti, gratuitamente, all’indagine di sieroprevalenza mediante l’esecuzione di test sierologici e in caso di positività, di tamponi molecolari, disposto dalla Asl di Rieti, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale di Rieti, per permettere l’avvio dell’anno scolastico in sicurezza.

Su 2676 test eseguiti, 39 persone sono risultate positive (1,46%), ma negative al successivo tampone nasofaringeo.

L’indagine di prevenzione e contenimento del Covid-19, proseguirà con ulteriori sedute predisposte fino al 30 settembre (25 – 28 – 30 pomeriggio) presso i centri prelievi di Rieti, laboratorio analisi dell’ospedale de’ Lellis e Poggio Mirteto, sede del Distretto salario mirtense. I test saranno eseguiti dagli operatori del servizio di assistenza proattiva infermieristica API senza alcuna prenotazione.

La Direzione aziendale annuncia, inoltre, l’istituzione di un’apposita sezione informativa online dal titolo “Scuole che promuovono Salute e Sicurezza -Emergenza Covid-19″ consultabile nella Home page del Sito aziendale della Asl di Rieti (www.asl.rieti.it). All’interno sono disponibili FAQ, comunicazioni, documenti e riferimenti normativi d’interesse scolastico, sanitario e specifici sulla gestione dell’epidemia Covid-19 nelle scuole.

«Nell’augurare agli studenti della provincia di Rieti un buon rientro a scuola, dopo una lunga e difficile pausa, diciamo a tutti di aiutarci a tenere sotto controllo il contagio. Ciò è possibile rispettando tre semplici regole: indossare sempre le mascherine, evitate ogni forma di assembramento, igienizzare spesso le mani: soltanto in questo modo è possibile interrompere la catena dei contagi e scongiurare l’ulteriore aumento della curva epidemica».

Rispondi