Mons. Lucarelli: la comunità colga i bisogni e aiuti con discrezione

In questo periodo, come ogni anno, in molti dalle città tornano nei paesi di origine nel territorio della Diocesi e riassaporano il tempo della loro giovinezza e degli anni più belli della vita, anche se segnati da rinunce e sacrifici, soprattutto per chi ricorda i tempi della guerra e del duro periodo del dopo guerra, anche se ricco di speranze e di fiducia nell’avvenire.

A tutti loro il sorriso della nostra accoglienza, generosa e cordiale.

Non possiamo non pensare, però, a quanti sono in ristrettezze economiche per la mancanza e la perdita del lavoro e che faticano a condurre una vita dignitosa con le scarse risorse disponibili.

Invito con fermezza le comunità ad individuare eventuali bisogni, con garbo e discrezione, per attivare qualche forma concreta di aiuto e di sostegno.

(Dal Messaggio ai turisti del 2010)

Rispondi