Il “Libro della Giungla” chiude la stagione musicale al Vespasiano

Sabato 23 maggio alle ore 21 al Teatro Vespasiano, l’ARTeM, per il concerto di chiusura della stagione musicale 2015, presenta un magico e divertente Libro della Giungla interpretato da Bustric e accompagnato da musiche dirette da Marcello Bufalini alla guida dell’Orchestra Filarmonica Centro d’Italia.

Il film Libro della Giungla  ebbe quattro nomination all’Oscar; la registrazione della colonna sonora fu la prima di un film americano a essere immessa nel mercato discografico. Così come aveva fatto Prokofiev nel 1936 con Pierino e il lupo, Rózsa associa a ciascuno degli animali un tema e uno strumento o un gruppo di strumenti dell’orchestra.

Uno spettacolo poetico e comico, tra teatro e circo d’autore, in cui Bustric, mimo, attore, mago  e clown, nei panni di un viaggiatore indiano, in babbucce d’oro e turbante, in sella alla sua splendida bicicletta, narra a modo suo la storia di Mowgli, il cucciolo d’uomo, accompagnato dalle musiche di Rossini – la Sinfonia del Signor Bruschino e il Temporale dal  Barbiere di Siviglia, che aprono lo spettacolo introducendo il tema del viaggio musicale – e dalla rara Suite “The Jungle Book” di Miklos Rosza. La Musica trasferisce tutta la scena in una giungla che non si vede ma si sente, grazie alla suggestione dei temi e dei timbri esotici inseriti nella partitura. Mowgli ci mostra che lo spettacolo può essere un gioco sorprendente.

I personaggi e le situazioni sono rappresentati con piccoli e grandi trucchi, inattesi e originali. E’ uno spettacolo a trasformazione, un puro divertimento, un esercizio di stile.

La storia di Mowgli e la musica di Rosza costituiscono il nucleo centrale di un racconto intorno al quale nascono piccole, grandi e nuove avventure. Bustric, l’attore, il mago, il mimo, l’illusionista, il clown, il cantante, ci conduce col suo passo lieve e vagabondo in un viaggio sorprendente nel mondo delle fiabe, in cui la sua capacità di stupirsi ci contagia, e ridesta in noi, con lo stupore, una forma di conoscenza del mondo che smarriamo a volte del tutto.

Uno spettacolo per tutti!

Rispondi