Covid

Il gen. Figliuolo nuovo Commissario per l’emergenza: si accelera sui vaccini

Il presidente del Consiglio lo ha nominato al posto di Arcuri: "Lavorerò per la nostra Patria". Nel nuovo piano vaccinale, un sistema unico nazionale per la prenotazione e la somministrazione

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha nominato il Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo nuovo Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. A Domenico Arcuri i ringraziamenti del Governo per l’impegno e lo spirito di dedizione con cui ha svolto il compito a lui affidato in un momento di particolare emergenza per il Paese. Lo si legge in una nota di Palazzo Chigi.

Il generale ha così commentato all’Adnkronos la sua nomina: “Metterò tutto me stesso e tutto l’impegno possibile per fronteggiare questa pandemia. Lavorerò per la nostra Patria e i nostri connazionali”. La nomina, spiega, “è stata un fulmine a ciel sereno. Per me una grande attestazione”.

Si accelera sui vaccini

Un sistema di prenotazioni e somministrazioni unico e uguale per tutte le regioni, più centralità e unità nella gestione dell’emergenza, recupero dell’efficienza della Protezione Civile, la nomina del capo della logistica dell’Esercito a Commissario per l’emergenza con il compito di pianificare e gestire la distribuzione dei vaccini in stretto raccordo con il Dipartimento di via Ulpiano, l’acquisto di mascherine e ventilatori che tornerà molto probabilmente sotto la Protezione civile. Nel giorno in cui l’Unione Europea firma un nuovo contratto con Moderna che prevede la fornitura di altre 300 milioni di dosi del vaccino, Mario Draghi imprime un’ulteriore svolta alla campagna vaccinale italiana.

La nomina del generale di corpo d’armata Francesco Paolo Figliulo al posto di Domenico Arcuri è la seconda mossa del premier dopo la scelta di Fabrizio Curcio a capo della Protezione Civile: dovranno lavorare in stretto coordinamento, è l’input che è stato dato, per far decollare entro l’inizio di aprile la campagna di vaccinazione di massa.

Nel secondo trimestre l’Italia dovrebbe poter contare infatti su 64,5 milioni di dosi, oltre 20 milioni al mese, è dunque bisognerà correre per poter vaccinare il maggior numero di italiani. Cosa al momento impossibile visto che anche questa settimana sono arrivate poco più di 830mila dosi tra il farmaco di Astrazeneca e quello di Moderna, al quale dovrebbero aggiungersi le 500mila circa di Pfizer: poco più di 1,3 milioni che garantiscono la somministrazione a circa 650mila italiani in una settimana, ben lontani dall’obiettivo fissato di 500mila al giorno. Ma per accelerare c’è bisogno di pianificare: servono luoghi, servono medici per le somministrazioni, serve che il sistema della distribuzione non subisca intoppi, serve che ci si muova tutti nella stessa direzione senza che ogni regione proceda in ordine sparso. Draghi ha chiesto a Curcio un nuovo piano per la campagna vaccinale entro una settimana e intanto ha scelto come Commissario non solo un esperto di pianificazione ma anche un militare che ha iniziato a lavorare contro il Covid da prima ancora che scoppiasse la pandemia in Italia.

Tre lauree ed esperienze in Afghanistan e Kosovo, il generale Figliuolo ha fatto parte del team che ha gestito il rientro in Italia dei connazionali bloccati a Wuhan, attivando alla Cecchignola le strutture per la quarantena. Ha poi lavorato per garantire ai militari i dispositivi di protezione individuale acquistandone – spiegò in audizione al Senato a novembre 2020, circa 11 milioni “Si è garantita l’autonomia della forza armata e si sono strutturati programmi acquisitivi e di distribuzione che hanno sempre garantito la piena operatività e gli adeguati livelli di scorte”, E c’è sempre Figliulo dietro l’allestimento degli ospedali militari a Crema e Piacenza, nella prima fase della pandemia, così come nella realizzazione di una serie di strutture con oltre 3mila posti dedicate alla quarantena. Quando poi ad ottobre è partita la seconda ondata, il generale si è
occupato della realizzazione dei drive trought per i tamponi.

Oggi sono 142 sparsi in tutta Italia e, come ha ribadito il ministro della Difesa Lorenzo Guerini, saranno a disposizione anche per la campagna vaccinale. “Dobbiamo prepararci a lavorare al massimo nelle prossime settimane. La Difesa è pronta a rimodulare le attività dei Drive Through”. Per lo stoccaggio delle dosi, come già avviene adesso, si utilizzerà l’hub di Pratica di Mare e i 14 sub hub regionali mentre per la somministrazione saranno fondamentali i volontari della Protezione Civile, cui spetterà anche d’intesa con le regioni l’individuazione di palazzetti, fiere e altri luoghi.

La strategia verrà definita nel dettaglio nei prossimi giorni da Curcio e dallo stesso Figliulo e dovrà tener conto anche dell’indicazione arrivata dall’Aifa, che sarà recepita da una circolare di Speranza: agli oltre due milioni di guariti dal Covid andrà somministrata una sola dose di vaccino, senza alcun richiamo, a sei mesi dalla guarigione. Resta il nodo delle dosi e su questo sia Berlusconi sia Salvini chiedono che l’Italia si muova guardando anche fuori dall’Ue, in particolare al vaccino russo.

“L’Ue è partita bene ma si è persa per strada” dice il Cav chiedendo che si acceleri sull’approvazione di Sputnik. “Recuperiamo i ritardi e gli errori degli ultimi mesi – aggiunge Salvini – per ottenere dosi di vaccino anche dalla Russia per mettere in sicurezza un’intera zona d’Italia”.

Chi è il nuovo commissario

Potentino, 60enne, una lunga esperienza nelle Forze Armate, con missioni internazionali tra l’altro in Kosovo e Afghanistan. Il generale Francesco Paolo Figliuolo, nuovo commissario straordinario per l’emergenza Covid al posto di Domenico Arcuri, dovrà ora fronteggiare la sfida forse più difficile: accelerare con la campagna vaccinale per arrivare prima possibile a una copertura ragionevole. Ufficiale di artiglieria da montagna, Figliuolo svolge le primissime esperienze di comando presso il Gruppo Artiglieria “Aosta” a Saluzzo, per divenirne Comandante negli anni 1999-2000, periodo in cui conduce l’unità in missione in Kosovo, nell’enclave serba di Goradzevac (Pec). Comandante del I Reggimento di artiglieria da montagna di Fossano negli anni 2004-2005, dal settembre 2009 all’ottobre 2010 ricopre l’incarico di Vice Comandante della Brigata “Taurinense” per assumerne, senza soluzione di continuità, il Comando sino all’ottobre 2011.

Alterna ai precedenti periodi esperienze ad ampio spettro nei campi della formazione di base e avanzata degli Ufficiali dell’Esercito, presso la Scuola di Applicazione di Torino, della pianificazione operativa e dell’addestramento in ambito NATO, presso il Joint Command South di Verona e, non ultimo, della logistica, ricoprendo le funzioni di Capo Ufficio Logistico del Comando delle Truppe Alpine ed in seguito quelle di Capo Ufficio Coordinamento del IV Reparto Logistico dello Stato Maggiore dell’Esercito, dove assumerà i successivi incarichi di Vice Capo Reparto dal novembre 2011 all’agosto 2014 e Capo Reparto dall’agosto 2015 al maggio 2016.

Ricopre quindi, sino al 5 novembre 2018, l’incarico di Capo Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore della Difesa, in un momento di fondamentale trasformazione delle Forze Armate in chiave interforze. Dal 7 novembre 2018 è Comandante Logistico dell’Esercito. Di rilievo, come detto, l’esperienza internazionale quale Comandante del Contingente nazionale in Afghanistan, nell’ambito dell’operazione ISAF (ottobre 2004 – febbraio 2005) e quella diciannovesimo Comandante delle Forze NATO in Kosovo (settembre 2014 – agosto 2015), nella stessa area di crisi balcanica che lo aveva già visto impegnato agli inizi degli anni 2000, quale Comandante della Task Force “Istrice” a Goradzevac e, precedentemente, nel ’99, nell’ambito dell’organizzazione logistica del Comando NATO-SFOR a Sarajevo.

Nato e cresciuto a Potenza prima di entrare in Accademia Militare, il Generale Figliuolo vive a Torino con la moglie Enza e ha due figli. Appassionato di lettura e sport, pratica nuoto e sci di cui è istruttore militare.

da avvenire.it

Rispondi