“Liberi dall’Alcol”, al Liceo delle Scienze Umane tra testimonianze e informazione

Aperto con il saluto della prof. Gerardina Volpe, Dirigente Scolastico dell’Istituto Magistrale di Rieti, nella mattina del 28 ottobre si è svolto l’incontro formativo relativo alla prevenzione della dipendenza da alcol, organizzato dal Centro Oikia (Centro di Psicologia e mediazione per la persona e la famiglia) e dagli Alcolisti Anonimi, area Lazio.

L’importanza del tema dell’incontro, “Liberi dall’Alcol”, sottolineata dal dott. Daniele Sinibaldi, vicesindaco del Comune di Rieti, è stata indubbiamente colta dagli studenti delle quarte classi del Liceo delle Scienze Umane presenti nell’aula magna della scuola, anche in considerazione dell’attività svolta lo scorso anno scolastico, in collaborazione con il Consultorio Familiare Sabino, mediante una specifica convenzione di Alternanza Scuola Lavoro con l’Istituto.

Molto seguite le lettere lette da padre Angelo, cappellano del carcere di Rebibbia, scritte da giovani deceduti per dipendenza da alcol, che hanno vissuto la propria esistenza “troppo in fretta”, cercando di soddisfare i propri bisogni senza comprendere che è prima di tutto nella relazione e nella dimensione affettiva che l’uomo trova la vera felicità, non nelle sostanze, nelle occasioni in cui invece si perde il rispetto verso se stessi e verso gli altri.

La dott. ssa Silvia Vari ha puntualizzato quanto sia necessario fare attività di prevenzione, soprattutto con i più giovani, e che le scuole in questa direzione sono il settore più importante nel quale operare. L’intervento del sovrintendente Vicari, in rappresentanza della Questura di Rieti, ha aiutato gli alunni a guardare con attenzione ad alcuni comportamenti che sono ormai entrati nell’ordinarietà della vita e che invece non solo sono sanzionabili ma nascondono pericoli e rischi che dovrebbero essere conosciuti da tutti.

Grande infine l’interesse suscitato dall’intervento della dott.ssa Maria Nuovo che ha presentato il video relativo alla metodologia e ai risultati del progetto Liberi dall’alcol che il Centro Oikia realizza da alcuni anni nelle scuole. Il video documento ha catturato l’attenzione di tutti gli studenti.

Il momento più intenso si è avuto quando sono intervenuti i membri degli Alcolisti Anonimi presenti in sala. I testimoni hanno raccontato la propria esperienza con semplicità con grande dignità, mettendo a nudo le proprie fragilità ma anche e soprattutto la forza e il coraggio che hanno avuto nel riuscire ad opporsi alle dipendenze nelle quali sono caduti, tornando ad essere padroni della loro vita.

 

Rispondi