Sport

Valle del Tevere: i percorsi granfondo e mediofondo ai “raggi X”

Torna domenica 9 settembre l’appuntamento con la Granfondo Valle del Tevere-Trofeo Aldo Renzi che arriva alla quinta edizione ritagliandosi uno spazio di rilievo nel panorama delle corse amatoriali più partecipate di fine estate nel Lazio e nel Centro Italia.

Torna domenica 9 settembre l’appuntamento con la Granfondo Valle del Tevere-Trofeo Aldo Renzi che arriva alla quinta edizione ritagliandosi uno spazio di rilievo nel panorama delle corse amatoriali più partecipate di fine estate nel Lazio e nel Centro Italia.

La macchina organizzativa del Cicloclub Fiano Romano (con in testa Onorino Santarelli, Roberto Turchetti ed Angelo Tommasi) è in pieno fermento per una tradizione che si ripete ogni seconda domenica del mese di settembre a Fiano Romano che ospiterà l’epilogo del circuito Fantabici e la gara nazionale per il personale aderente all’Aeronautica Militare.

I percorsi granfondo (120 chilometri) e mediofondo (88 chilometri) racchiudono quanto di più affascinante si trova tra la Valle del Tevere e il Monte Soratte, godendo appieno della bellezza naturalistica e storica di questi luoghi lontani dal traffico alle porte della Capitale.

Per il quarto anno consecutivo la zona di partenza è fissata a Piazzale Cairoli di fronte all’elegante cornice di Castello Ducale Orsini. Dopo la partenza, si percorre la via Tiberina uscendo da Fiano Romano fino all’altezza del Bar Cristallo, non molto lontano dallo svincolo autostradale A1 di Roma Nord, transitando per le località di Meana e Nazzano dove si affronta la prima ascesa e la successiva discesa verso Torrita Tiberina fino a Poggio Mirteto Scalo.

Altre salite sono poste in località Colonnetta di Montopoli in Sabina e Bocchignano. Una volta imboccata la via Ternana, il medio si separa dal lungo percorrendo la piana di Gavignano, Stimigliano Scalo e il ponte sul Tevere in direzione dell’Outlet Soratte. Il tracciato lungo, invece, transita nelle zone di Spineto, bivio Roccantica, Casperia, Cantalupo e Selci con la presenza di saliscendi e tratti vallonati.

Da Vescovio, nei pressi del comune di Tarano, si affronta la salita dei gradini verso il centro abitato di Forano, passando a fianco del velodromo, fino in località Boschetto e in discesa verso il lungo ponte sul Tevere dove si ricongiunge con il percorso medio.

Passato lo svincolo autostradale A1 e l’Outlet Soratte, medio e lungo affrontano insieme l’ascesa verso il gran premio della montagna di Sant’Oreste (altitudine 417 metri), la cittadina ai piedi del Monte Soratte che è pronta a riservare una gradita accoglienza al passaggio di tutta la carovana.

Allo scolllinamento, si percorre la strada che affianca i bivii di Civitella San Paolo e Nazzano, oltre alle località di Meana e Piani di San Giovanni. Alle porte di Fiano, svolta a destra e la strada tende a salire leggermente per circa 2 chilometri in direzione del centro storico con uno strappo duro di 300 metri che conduce al traguardo finale di Via Aldo Moro con lo sfondo del Castello Ducale Orsini.

Sul web è sempre attivo il sito www.cicloclubfianoromano.it che presenta il programma completo, le modalità di iscrizione ed ogni particolare utile ai partecipanti.

 

 

Rispondi