Tv2000 – Da non perdere dal 3 al 9 aprile

– “Buonasera Dottore”, l’informazione medica in prima serata – “C’è Spazio”, l’Universo e le sue meraviglie – I film della settimana

Martedì 4 aprile, alle 21.05, terza puntata di “Buonasera Dottore”, il programma di informazione medica condotto da Monica Di Loreto. Molti gli argomenti affrontati in studio con l’aiuto di esperti: la dieta per vivere fino a 100 anni, le terapie riabilitative all’avanguardia post-ictus, curare il mal di schiena con l’ossigeno-ozonoterapia, come eliminare definitivamente la stitichezza. Ospiti speciali della puntata, l’attore Cesare Bocci e la moglie Daniela Spada.
Giovedì 6 aprile, alle 21.05 ultima puntata di “C’è Spazio”, programma condotto da Letizia Davoli dedicato all’approfondimento delle tematiche scientifiche legate all’esplorazione spaziale e realizzato con il patrocinio dell’Agenzia spaziale italiana (Asi), dell’Agenzia spaziale europea (Esa) e dell’Istituto nazionale di astrofisica (Inaf). Tra gli ospiti della serata Eugenio Coccia, direttore del Gran Sasso Science Institute e Pietro Antonio Grassi, vice direttore del centro di alta formazione per l’algebra, la geometria e la fisica teorica Arnold-Regge.
Da segnalare quattro appuntamenti con i Film di Tv2000.
Lunedì 3 aprile, alle 21.05, “Il Messia” di Roberto Rossellini, con Pier Maria Rossi, Mita Ungaro, Carlos de Carvalho e Fausto Di Bella.
Sabato 8 aprile, alle 10.00 e alle 12.45 la prima e la seconda parte del film “Un Dio negato”, di Pablo Moreno. Il film narra le vicende di un gruppo di giovani novizi tenuti in ostaggio e poi giustiziati durante la guerra civile spagnola nel monastero clarettiano di Barbastro in Spagna.
Sempre sabato 8, alle 23.00, “La Valle dell’Eden” di Elia Kazan, con James Dean.
Domenica 9 aprile, alle 21.20, “San Pietro”, con Omar Sharif e Lina Sastri. Un cast di attori straordinari che racconta la storia dell’apostolo Pietro, la diffusione del cristianesimo a Roma e nell’Impero, la reazione dei romani e dei giudei dal punto di vista politico e religioso.

Giovanna Ricciardi

Rispondi