Scout

Scout: vacanze di branco per i lupetti di Rieti, per crescere giocando

Le vacanze del branco Waingunga del gruppo scout Rieti 2 “Marco Tempesta” quest’anno si sono svolte a San Martino al Cimino

Le vacanze del branco Waingunga del gruppo scout Rieti 2 “Marco Tempesta” quest’anno si sono svolte a San Martino al Cimino (VT) in un meraviglioso luogo immerso nel verde dal 7 all’11 agosto 2019. La “giungla” tratta da “Il libro della giungla” di R. Kipling è l’ambiente fantastico in cui vive il Branco e rappresenta un elemento fondamentale di ambientazione durante tutto l’anno di attività e particolarmente nelle vacanze di branco. Hanno partecipato tutti i lupetti a conclusione dell’anno vissuto insieme in pieno spirito di Famiglia Felice finalizzato alla crescita individuale e comunitaria.

Cinque giorni concentrati e fruttuosi con molti obiettivi programmati e raggiunti durante i quali i lupetti sono “cresciuti” nel carattere, acquisendo, ciascuno nel rispetto delle proprie specificità, maggiore consapevolezza delle proprie capacità e potenzialità, aumentando la propria autostima; nello spirito di servizio; nell’autonomia personale ed abilità manuale e fisica, consolidando altresì la propria fede. Le vacanze di branco costituiscono così un importante momento per continuare la propria progressione personale, iniziata durante l’anno, in maniera ancor più mirata. Nel vivere il gioco nella natura i lupetti acquisiscono rispetto delle regole, di se stessi e degli altri divertendosi, sempre con il sorriso sulle labbra. Molti sono stati i momenti emozionanti del campo a partire dai grandi successi individuali riconosciuti poi nelle cerimonie finali; alle riflessioni di confronto e di crescita del “valore civico”.

Non potevano mancare giochi su tecniche prettamente scout come l’orientamento di giorno e notturno, i nodi, il riconoscimento di piante ed animali e molto altro. È stata svolta anche una caccia con pony e cavalli ed un’altra nel vicino paese di San Martino al Cimino. I lupetti inoltre si sono confrontati con le proprie capacità manuali-culinarie attraverso la realizzazione di una giostrina ad elettricità statica ed un’attività di masterchef lupetto e con le proprie capacità fisiche e la propria agilità partecipando alle Lupettiadi: piccole olimpiadi di acqua e terra.
La meravigliosa esperienza formativa ed educativa si è conclusa con la giornata con i genitori in cui gli stessi lupetti sono stati protagonisti di scenette, canti e premiazioni individuali a testimonianza dei maggiori obiettivi da loro raggiunti, in applicazione della parola maestra: «del nostro meglio».

Come affermava lo stesso fondatore del movimento scout Baden Powell «Il vero modo di essere felici è quello di procurare la felicità agli altri». E proprio in questo spirito di fratellanza, ogni giorno trascorso insieme era sempre più colmo di gioia, serenità e felicità.

Rispondi