Televisione

Montalbano sull’Olimpo con 9 milioni di telespettatori, ora cala il sipario?

Sono stati 9.016.000 spettatori (38.4% di share) a seguire lunedì sera su Rai 1 "Il metodo Catalanotti", l'ultimo - al momento - e attesissimo episodio della saga di Montalbano

«Un risultato così significa “condivisione”. Significa “ritrovarsi”, significa un popolo che quando viene chiamato a raccolta risponde compatto, con amore». Sono le commoventi parole di Luca Zingaretti affidate ai social per una lunga e sentita dedica dopo i risultati ancora record del suo amato commissario Montalbano a cui da oltre vent’anni presta volto e fisicità: sono stati 9.016.000 spettatori (38.4% di share) a seguire lunedì sera su Rai 1 Il metodo Catalanotti, l’ultimo – al momento – e attesissimo episodio della saga.

Il commissario di Vigàta creato da Andrea Camilleri, e interpretato e anche diretto dall’attore romano dopo la scomparsa di Alberto Sironi. Il film tv prodotto da Palomar con Rai fiction, ha portato sullo schermo il penultimo romanzo di Andrea Camilleri, la misteriosa storia di un usuraio e manipolatore mentale, apparentemente vittima di omicidio.

Cala il sipario? Dopo la scena alla stazione tra Salvo e la giovane collega della scientifica (Greta Scarano) avrà un seguito la storia tra i due? Nel suo lungo post Zingaretti scrive «Voglio gioire insieme a voi di questo senso di appartenenza e festeggiarlo perché siamo una cosa sola. E perché noi siamo “quelli di Montalbano».

«È stato bello ieri per me, devastato dalla nostalgia, riguardarmi “Il metodo Catalanotti”. Ho risentito gli odori delle spiagge siciliane, ne ho assaporato i colori, ho gustato la dolcezza di quei nostri luoghi. E’ stato bello per me commuovermi ed emozionarmi, intenerirmi e sorridere per le debolezze dei nostri amici, per i loro difetti, per le loro vicende, per le loro vigliaccherie e per i loro amori così semplicemente autentici e umani…».

Ma presentando questo episodio prima della messa in onda proprio Zingaretti non si era sbilanciato: «Sironi e Ricceri erano miei complici, compagni di trincea. Una serie durata trent’anni, non è una cosa da poco. Quest’anno il tempo si è fermato: non c’è stato modo di elaborare il lutto. Io sono ancora in un limbo. Quando il tempo ricomincerà a scorrere, vedremo».

Sulla serie sul commissario più amato dal pubblico della tv il produttore Carlo degli Esposti, della Palomar (la stessa che ora produce Màkari in onda dal 15 con Claudio Gioè dai gialli di Gaetano Savatteri sempre ambientata in Sicilia) aveva detto: «Con Catalanotti siamo arrivati a quota 37 film per questa collection. Questo è uno degli ultimi tre film che abbiamo prodotto in una tempesta perfetta che ha visto sparire il nostro mentore e timoniere Camilleri e ci ha fatto sparire di botto, mentre stavamo girando, Sironi e lo scenografo Riccieri. Luca Zingaretti ha preso il timone di questi ultimi tre film». Quindi ha aggiunto: «Cosa ne sarà di Montalbano? È passato un anno dalla tempesta perfetta ora è presto. Il covid ci impedisce di tornare sul set con la tranquillità che ci ha contraddistinto in questi anni: ci sarà un momento, dopo il Covid, in cui prenderemo una decisione. Per me e per altri, Montalbano è eterno».

Durante la conferenza di Màkari pur dicendo di non voler aggiunger nulla si è lasciato sfuggire che su Montalbano è prevista una riunione con Rai Fiction a giorni e quindi dopo si avrà “la quadratura del cerchio”.

Da ricordare che Luca Zingaretti è attualmente impegnato nelle riprese iniziate a marzo di una nuova serie tv Sky Original come protagonista dal titolo “Il Re” che Lorenzo Mieli e The Apartment producono con Wildside.

Il record degli ascolti, 11.386.000 spettatori (45,1% di share), è stato registrato con La giostra degli scambi il 12 febbraio 2018, seguito da Come voleva la prassi con 11.268.000 spettatori (44,1% share) il 6 marzo 2017.

Montalbano-Zingaretti nel metodo Catalanotti ha rotto tutti gli schemi, sì perché il commissario si dimostra pronto a cambiare la sua vita per amore, non per la sua eterna fidanzata Livia (Sonia Bergamasco) ma per una giovane collega Antonia che lo fa impazzire d’amore e mettere in dubbio anche “la sua carriera tanto da essere disposto a mollare tutto”.

Dal 1999, anno della messa in onda del primo episodio (“Il ladro di merendine”), il personaggio creato dalla penna di Camilleri attira davanti al piccolo schermo un numero record di spettatori (in prima visione e in replica), un successo che ha superato i confini nazionali: i film tv che compongono la saga (37 in tutto, incluso “Il metodo Catalanotti”) negli anni sono stati venduti e trasmessi anche all’estero in oltre 65 Paesi tra Europa e resto del mondo, dalla Gran Bretagna agli Stati Uniti passando per Asia, Sudamerica e persino Iran. “Il metodo Catalanotti” è tratto dal terzultimo romanzo dello scrittore siciliano – morto nel 2019 a 93 anni – e al momento non sono in programma adattamenti televisivi tratti dagli ultimi due volumi con protagonista il commissario di polizia Salvo Montalbano (“Il cuoco dell’Alcyon” e “Riccardino”) ma mai dire mai.

da ansa.it

Rispondi