Arte Sacra

La “Sacra Famiglia” di Vallecupola torna nella chiesa di Madonna della Neve

Il Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli sarà a Rieti per restituire al parroco della chiesa “Madonna della Neve” il dipinto della Sacra famiglia, rubato nel 2008

Il 25 settembre alle ore 12, il Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Napoli, Maggiore Giampaolo Brasili, sarà a Rieti per restituire a padre Tommaso Alessandro, parroco della chiesa “Madonna della Neve”,  il dipinto della Sacra famiglia, asportato da quel luogo di culto il 4 maggio 2008. La consegna avverrà presso il Palazzo Papale, alla presenza del vescovo Domenico Pompili.

L’attività, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, trae spunto dalla denuncia di furto, presentata da un antiquario napoletano, di numerose opere d’arte in suo possesso. Ma la denuncia non era altro che un espediente tentato dall’antiquario per tornare in possesso di beni dallo stesso posti in commercio. Nella sua abitazione sono state infatti rinvenute opere d’arte inserite in denuncia e i riscontri investigativi hanno consentito di sequestrare numerosissime opere provenienti da 12 furti avvenuti in tutta Italia, in danno di private abitazioni e di luoghi di culto. Oltre ai beni di antiquariato, nel corso delle indagini sono stati sequestrati più di 4000 reperti archeologici tra monete e vasi.

L’individuazione del dipinto è stata possibile grazie alla comparazione delle immagini degli oggetti sequestrati con quelle contenute nella Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, gestita dal Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che ha consentito di identificare l’opera in quella trafugata dalla chiesa “Madonna della neve” di Vallecupola-Rocca Sinibalda.

La restituzione odierna segue quella di 3 reliquiari recuperati in altra attività di indagine, condotta dal Nucleo TPC di Napoli ed asportati in occasione del medesimo furto (restituiti alla comunità il 25 ottobre 2018), avvalora l’importanza dell’opera di sensibilizzazione che le articolazioni di questo Comando quotidianamente compiono con i responsabili degli Uffici Diocesani, anche attraverso la divulgazione, ai Parroci, della pubblicazione Linee Guida per la Tutela dei Beni Culturali Ecclesiastici, realizzata da questo Comando nel 2014 unitamente alla Conferenza Episcopale Italiana: la pubblicazione, oltre a contenere consigli pratici per la difesa dei beni ecclesiastici da eventi predatori, diffonde e valorizza le iniziative di catalogazione e censimento dei beni che le Diocesi, con grande impegno, stanno conducendo in ordine al proprio patrimonio culturale.

Rispondi