Chiesa

Il 2 agosto le Chiese africane celebrano la Giornata del Secam

Il prossimo 2 agosto si celebrerà la prossima Giornata del Secam, il Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar

Fare conoscere ai cattolici africani la storia, l’organizzazione e la missione del Secam, il Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar, ma anche pregare per la Chiesa universale e in particolare per quella in Africa. E’ questo l’obiettivo della prossima Giornata dell’associazione, che si celebrerà il 2 agosto. Istituita nel 2014, in occasione del 45.mo anniversario di fondazione dell’organismo, che riunisce 37 Conferenze episcopali nazionali e 8 Conferenze regionali africane, questa ricorrenza viene celebrata il 29 luglio o, quando non coincide con una domenica, in quella più vicina a tale data.

Un servizio per tutto il Continente

Nel 2019 il Secam ha celebrato il suo Giubileo d’oro. Nell’occasione Papa Francesco ha inviato loro un messaggio, dove ha evidenziato il servizio prezioso svolto negli anni dal Simposio nel portare aiuto a tutto il Continente. L’associazione fu infatti istituita nel 1969 e inaugurata da Paolo VI nel luglio di quell’anno, in occasione della sua visita pastorale in Uganda, la prima di un Papa nel continente africano. L’idea di creare una struttura continentale, capace di promuovere una visione comune della missione della Chiesa in Africa, era maturata subito dopo il Concilio Vaticano II, quando i vescovi africani espressero la volontà di agire in comunione, superando le loro differenze linguistiche, storiche e culturali. La missione specifica del Secam è quindi di preservare e promuovere la comunione fraterna e la cooperazione delle Conferenze episcopali africane, segnatamente nel campo dell’evangelizzazione, della giustizia e la pace e del dialogo ecumenico e interreligioso.

Rinviata la colletta della Giornata

Questa giornata, di solito è accompagnata da una speciale colletta, ma a causa dell’emergenza Coronavirus – informa una lettera del segretario generale, padre Terwase Henry Akaabiam, citata dal blog dell’Amecea, l’Associazione delle Conferenze episcopali dell’Africa orientale  – questa è stata rinviata. Tuttavia – precisa padre Akaabiam nella lettera indirizzata ai segretari generali delle Conferenze episcopali africane – chi vorrà dare subito un contributo finanziario o materiale potrà farlo. La colletta serve a sostenere l’opera e la missione del Secam ed è un modo per fare sentire a tutti i cattolici africani che ne sono parte a pieno titolo, spiega padre Anthony Makunde, segretario generale dell’Amecea.

da Vatican News

Rispondi