Televisione

GF 2019, niente di nuovo sul fronte televisivo

Gli autori cercano di selezionare i concorrenti e creare le situazioni in maniera da favorire eccessi, incidenti, litigi e scarti alla regola

Gaetano Arena, 22 anni, è un giovanotto napoletano; Audrey Chabloz, 26 anni, è modella e hostess; Enrico Contarin, 26 anni, lavora nel negozio di famiglia; Daniele Del Moro, 28 anni, lavora nell’azienda pubblicitaria di famiglia; Gennaro Lili, 27 anni, fa il modello; Ambra Lombardo, 33 anni, è professoressa di lettere e modella; Angela Losito, 28 anni, aspira a fare la speaker radiofonica; Marina Nasoni, 21 anni, lavora come modella; Erica Piemonte, 30 anni, fa la commessa.

Sono i concorrenti non famosi di “Grande Fratello 2019”, che ha preso il via su Canale 5 lo scorso 8 aprile sotto la guida di Barbara D’Urso. A loro si aggiungono i (presunti) famosi: Ivana Icardi, 23 anni, è sorella dell’attaccante interista Mauro Icardi; Cristian Imparato, 23 anni, è stato vincitore di “Io canto”; Jessica Mazzoli, 28 anni, è una ex concorrente di “X Factor” e ha avuto una figlia dal cantante Morgan;

Kikò Nalli, 49 anni, parrucchiere ed ex marito di Tina Cipollari; Gianmarco Onestini, 22 anni, è fratello di Luca Onestini, l’ex tronista di “Uomini e donne”, studia Giurisprudenza e fa l’influencer; Serena Rutelli, 29 anni, fa l’estetista ed è figlia dell’ex sindaco di Roma Francesco Rutelli e della giornalista Barbara Palombelli; Mila Suarez, 30 anni, fa la modella ed è la ex fidanzata dell’attore e modello Alex Belli; Michael Terlizzi, 33 anni, è figlio dell’ex pugile Franco Terlizzi, già concorrente dell’Isola dei famosi; Valentina Vignali, 27 anni, è cestista e influencer. Completano il cast dei concorrenti il dietologo dei vip Alberico Lemme e le sorelle Fabrizia e Francesca De Andrè, figlie di Cristiano e nipoti di Fabrizio De Andrè.

I nomi dei partecipanti sono le uniche variazioni di rilievo all’interno di un format che sul piccolo schermo nostrano si ripete sostanzialmente uguale a se stesso dal 2000, quando fu lanciata la prima edizione sul modello di “Big Brother” prodotto da Endemol. Il titolo, evidentemente ispirato all’omonimo personaggio del romanzo 1984 di George Orwell, rimanda alla caratteristica specifica del programma: i concorrenti, chiusi in una casa per tutto il periodo di durata del gioco, sono osservati e sorvegliati costantemente da una serie di telecamere e – di conseguenza – dal pubblico televisivo. Di settimana in settimana attraverso le nomination e il voto popolare si susseguono le eliminazioni che portano poi a decretare il vincitore finale.

Se nella prima edizione essere osservati 24 ore su 24 poteva essere una novità, nell’attuale società in cui tutti sono sempre visibili a tutti, non è certo questo l’elemento di interesse del reality. Per cui gli autori cercano di selezionare i concorrenti e creare le situazioni in maniera da favorire eccessi, incidenti, litigi e scarti alla regola che possano richiamare l’attenzione degli spettatori.
A questo concorrono anche i toni alti della conduzione – la D’Urso non è certo la più sobria fra le presentatrici televisive – e degli opinionisti in studio, che per l’edizione 2019 sono Cristiano Malgioglio e Iva Zanicchi. Nonostante tutto, nell’attuale palinsesto televisivo c’è di molto meglio.

Rispondi