Fraterna Domus: un “angolo di paradiso” che compie 40 anni

Quarant’anni di fraternità a Sacrofano, grande centro di accoglienza e di ospitalità fondato da don Francesco Bisinella, sacerdote già in servizio qui a Rieti negli anni settanta, con il pallino di aprire un “angolo di paradiso” come lo ha definito suor Teresa, una delle religiose responsabili che ha rivolto alla fine della Messa di commemorazione il saluto di tutti al cardinale Pietro Parolin Segretario di Stato vaticano, domenica 8 febbraio.

Di buon’ora un pullman gran turismo è partito da Rieti alla volta di Sacrofano, carico di reatini, molti dei quali del coro Aurora Salutis che ha animato con grande professionalità, assieme al coro di Castelfranco Veneto, la Messa solenne, presieduta dal porporato che papa Francesco ha voluto a capo della diplomazia vaticana.

Concelebrata due vescovi, da molti sacerdoti e alla presenza di diversi diaconi, la funzione religiosa si è tenuta nella chiesa circolare che è un po’ il cuore del centro, alla presenza di circa un migliaio di persone provenienti da varie zone d’Italia e anche dall’estero.

Al momento dell’omelia il diplomatico, che è stato ricevuto da Mons. Luigi Bardotti, Assistente spirituale del centro e successore di don Bisinella, ha commentato il vangelo della guarigione della suocera di Pietro e ha coniugato la dimensione dell’accoglienza, della vicinanza al prossimo sofferente e la fraternità come caratteristiche del cristiano che sperimenta la salvezza e sente di voler restituire nel servizio i doni ricevuti.

Ha citato più volte il pensiero del fondatore e ha ricordato quando, giovane sacerdote, si recava a Sacrofano a svolgere il ministero.

La mattinata si è conclusa con un momento di convivialità nell’ampia ed efficiente mensa del centro, prima del quale il cardinale ha rilasciato un’intervista al nostro settimanale.

Rispondi