Parrocchie

Festa a Borgovelino per i cinque anni di sacerdozio di don Giovanni e don Luciano

Una chiesa troppo piccola quella di Santa Lucia a Borgo Velino per contenere i tanti fedeli accorsi per festeggiare il quinto anniversario di sacerdozio di don Giovanni e don Luciano

Una chiesa troppo piccola quella di Santa Lucia a Borgo Velino per contenere i tanti fedeli accorsi per festeggiare il quinto anniversario di sacerdozio di don Giovanni e don Luciano. La Messa è stata presieduta dal vicario di zona, don Ferruccio Belegante, e concelebrata da diversi sacerdoti, riuniti attorno all’altare per condividere la gratitudine a Dio per il dono incommensurabile della vita sacerdotale.

Padre Renzo Cocchi, guardiano del santuario di Poggio Bustone, ha fatto una bellissima omelia, parlando del sacerdozio, delle gioie e dei dolori legati al ministero sacerdotale.

A dare lustro alla celebrazione la presenza discreta del vescovo Delio Lucarelli, che cinque anni fa aveva ordinato don Luciano e don Giovanni nella Cattedrale di Rieti.

Al termine della celebrazione don Giovanni ha ringraziato i parrocchiani per la preghiera e la presenza calorosa, per poi rivolgersi, commuovendosi, a sua mamma e ad alcuni famigliari arrivati appositamente dalla Polonia per l’occasione. Anche don Luciano ha rivolto i suoi ringraziamenti a tutti ricordando i suoi primi passi nel ministero sacerdotale, vissuti proprio accanto a don Ferruccio a Borgo Velino.

Una sorpresa, infine, ha allietato ulteriormente la festa, quando il coro parrocchiale di Borgo Velino ha intonato in polacco l’amata canzone di San Giovanni Paolo II “Barka”.

Dopo la Messa, tutti i convenuti hanno condiviso un momento di festa nei pressi della chiesa, in una serata calda e calorosa: per il clima mite e per il contesto familiare.

Rispondi