Gemellaggi

Delegazione reatina ricevuta a Padova, si intensificano i rapporti tra le due città

Una delegazione della città di Rieti, guidata dal vicesindaco Daniele Sinibaldi, è stata ricevuta ieri a Padova presso Palazzo Moroni , dove ha incontrato gli amministratori locali per avviare un confronto relativo alla possibilità di gemellaggio tra le due città.

Una delegazione della città di Rieti, guidata dal vicesindaco Daniele Sinibaldi, è stata ricevuta ieri a Padova presso Palazzo Moroni , dove ha incontrato gli amministratori locali per avviare un confronto relativo alla possibilità di gemellaggio tra le due città.

Insieme al vicesindaco hanno fatto parte della delegazione Elisabetta Occhiodoro, presidente del Comitato gemellaggi e relazioni internazionali, Tonino Pierantoni e Alessio Valloni. A riceverli è stata Francesca Benciolini, assessore alle risorse umane e al turismo di Padova.

L’incontro è stato preparato con cura nei mesi precedenti dai membri del Comitato gemellaggi. Dopo una serie di scambi tra le due amministrazioni, ieri la delegazione reatina ha presentato una serie di iniziative, sottolineando che la proposta di gemellaggio ha come punto di riferimento essenziale la figura di sant’Antonio.

Sinibaldi ha fatto dono alla città di Padova di alcuni pregevoli volumi e dvd che descrivono la città di Rieti, le celebrazioni del giugno antoniano, il Cammino di Francesco, le proposte di itinerario turistico e altro materiale di marketing territoriale.

Elisabetta Occhiodoro ha delineato i momenti caratterizzanti il programma del giugno Antoniano, soprattutto in merito ai tanti eventi organizzati dalla Pia Unione. Tonino Pierantoni ha descritto e sottolineato l’importanza del cammino di San Benedetto che, accanto a quello di Francesco, si sviluppa nel territorio provinciale. Alessio Valloni ha esposto dei passaggi storici relativi alla particolare devozione dei reatini verso Sant’Antonio e spiegato il peculiare legame tra il santo di Padova e San Francesco, punto di riferimento per il tessuto religioso della terra reatina. Oggetto del confronto anche i settori dello sport, della scuola e della musica.

Piena soddisfazione da entrambi le parti per l’esito dell’incontro, soprattutto per aver approfondito le evidenti affinità che hanno determinato l’emergere di un reciproco interesse nell’elaborare e condividere un percorso di comune conoscenza in vista del gemellaggio.

«Si tratta dell’ennesimo risultato concreto che il Comitato Gemellaggi, in pochi mesi di vita, sta portando a casa – commenta Elisabetta Occhiodoro – avevamo promesso di aprirci a nuove opportunità e, con la collaborazione della città, ci stiamo riuscendo».

Rispondi