Escursioni

Da Toffia a Fara sulla Via di Francesco

Domenica 23 settembre più di 200 partecipanti, provenienti da Roma, Rieti e la Sabina, hanno partecipato all’escursione sul sentiero che unisce l’ex convento di Sant’Alessandro nel Comune di Toffia al borgo di Fara in Sabina, organizzata dall'Associazione Comitato Monti Elci e promossa dalla “Rete Associativa della Via di Francesco nel Lazio”.

Domenica 23 settembre più di 200 partecipanti, provenienti da Roma, Rieti e la Sabina, hanno partecipato all’escursione sul sentiero che unisce l’ex convento di Sant’Alessandro nel Comune di Toffia al borgo di Fara in Sabina, organizzata dall’Associazione Comitato Monti Elci e promossa dalla “Rete Associativa della Via di Francesco nel Lazio”.

Il percorso di circa 1.5 km, prossimo al tracciato della Via di Francesco, attraversa un territorio particolarmente interessante dal punto di vista storico, che è stato per l’occasione “raccontato” dall’architetto Maurizio Pettinari, in collaborazione con Carlo Coccia e l’ Associazione “Comitato Monti Elci”.

Prima tappa presso lo splendido complesso conventuale di Sant’Alessandro, restaurato ed ampliato alla fine degli anni ’90, in vista del Giubileo del 2000, ritenuto uno dei primi insediamenti dell’ordine dei Frati Minori in Sabina. A Fara il gruppo ha visitato il Monastero delle Clarisse, dove l’esperienza delle religiose di clausura è stata raccontata da Suor Barbara e Suor Daniela attraverso un percorso guidato all’interno del Convento, tra oggetti e momenti di vita quotidiana, suoni e proiezioni all’interno del Museo del Silenzio.

L’evento fa parte di una serie di giornate proposte periodicamente dalla Rete Associativa al fine di promuovere la conoscenza della Via di Francesco.

La Rete coinvolge ad oggi 30 associazioni attive dalla Valle Santa Reatina alla Sabina fino a Roma. Le realtà unite in questo progetto condividono la consapevolezza che è possibile favorire quel processo virtuoso, che parte dal basso e che lega il cammino alla crescita delle comunità locali, solo offrendo la migliore accoglienza possibile ai viaggiatori. Ciò per esempio attraverso il coordinamento tra le strutture ricettive e la marcatura della via.

Un particolare ringraziamento va ai Comuni di Toffia e di Fara Sabina e i “Lions Club Passo Corese Sabina Gens Host” che hanno dato il patrocinio oltre che all’Associazione Comitato “Monti Elci” per l’eccezionale impegno nel rendere fruibile il sentiero ai camminatori e nell’organizzazione dell’esposizione e degustazione di prodotti tipici locali.

Si ringraziano inoltre, per la loro partecipazione e collaborazione, il Centro Socio Culturale Polivalente “Sabina”, l’Ass. Nazionale Carabinieri in Congedo- Sez. di Fara in Sabina e gli esercizi Commerciali del Borgo di Fara.

Rispondi