Politica

Convocato al Quirinale. Nuova missione per «Supermario», ecco chi è Draghi

Caratterialmente è riservato e cordiale, fermo - ne sanno qualcosa persino i "falchi tedeschi"-, ma non freddo. E profondo conoscitore dei meccanismi della finanza internazionale

È già passato alla storia, non solo economica, per aver salvato con quell’ormai famoso «whatever it takes» la moneta unica e quindi l’Europa. Ora Mario Draghi proverà a tenere insieme l’Italia. Ci si sofferma sempre sulla prima parte della frase pronunciata il 26 luglio 2012, a Londra, durante una conferenza dall’allora presidente della Bce; ma tutto il credito istituzionale che il banchiere centrale poteva allora sfoderare stava in quello che disse subito dopo: «And believe me, it will be enough», «e credetemi, sarà abbastanza».

Un conto è difendere l’euro dalla speculazione fosse anche geopoliticamente pilotata, altro un Paese come il nostro dalle sue fragilità politiche. Ci proverà con il suo curriculum non politico, ma da servitore civile, l’unico abito che Draghi si sente di indossare e che può indossare.

Di quei panni un po’ più larghi di quelli da tecnico puro si é vestito per larga parte della sua vita professionale. Nato nel 1947 (ha 73 anni), studi al prestigioso istituto Massimiliano Massimo, la severa scuola dei gesuiti della capitale dove come tutti giocava anche a calcio (istituto che ha formato anche figure come l’imprenditore Luca Cordero di Montezemolo e l’ex capo della Polizia, Gianni De Gennaro), allievo di Federico Caffè alla Sapienza di Roma e specializzazione al Mit di Boston, negli anni Novanta entra ai vertici tecnici del Tesoro come direttore generale e poi, dopo un breve passaggio alla Goldman Sachs, nel 2005 diventa il nono governatore di Bankitalia, succedendo ad Antonio Fazio, costretto alle dimissioni.

Ha ricoperto i ruoli di presidente del Financial Stability Board e del Financial stability forum, mentre dal 2011 al 2019, ultimo incarico di altissimo prestigio, ha guidato la Banca centrale europea diventando, nelle cronache economiche, “super Mario”.

Keynesiano di formazione e profondo conoscitore dei meccanismi della finanza internazionale per professione, Mario Draghi é caratterialmente riservato e cordiale, fermo – ne sanno qualcosa persino i “falchi tedeschi”-, ma non freddo.

Al chiuso della sua casa ai Parioli, quartiere elegante di Roma, ha sempre lasciato trapelare poco della sua vita privata, a partire dalla giovane età in cui perse entrambi i genitori e si prese cura dei fratelli. Anche se fece apparire la moglie in una celebre battuta che fece lasciando la Bce alla guida della Lagarde: «Il futuro? Chiedete a mia moglie, ne sa di più lei», disse; ovvero chiedete a Maria Serenella Cappello, esperta di letteratura inglese, pare di origini nobili (è imparentata alla lontana con i granduchi di Toscana). La coppia ha due figli: Federica e Giacomo, ambedue laureati. In casa c’è poi un bracco ungherese, il cane a cui Draghi è molto affezionato.

Defilatissimo rispetto alla politica, il banchiere ha la capacità di mantenere grande equilibrio, senza mai nascondere le sue opinioni. La sua maturità precoce ne ha sviluppato la personalissima religione del lavoro in cui la puntualità é un comandamento: il suo orologio, come racconta la biografia di Jana Randow e Alessandro Speciale, é regolato con cinque minuti di anticipo.

Non basteranno certo le lancette di Draghi a garantire che l’Italia rispetti il suo appuntamento con il Next generation Ue, ma é sicuro che il civil servant convocato dal presidente della Repubblica per l’alto e arduo compito di salvaguardare la tenuta economica e sociale del Paese nel bel mezzo dell’emergenza pandemica farà «whatever it takes».

QUI IL SUO INTERVENTO AL MEETING DI RIMINI DEL 2020

da avvenire.it

Rispondi