Eventi

Borbona si trasforma in palcoscenico

Domenica 18 agosto la piazza di Borbona si è trasformata in un vero e proprio palcoscenico, con tanto di passerella, per accogliere la terza edizione del Premio Borbonitinità, riconoscimento volto a premiare i cittadini che si sono distinti nel loro contributo alla comunità

Domenica 18 agosto la piazza di Borbona si è trasformata in un vero e proprio palcoscenico, con tanto di passerella, per accogliere la terza edizione del Premio Borbonitinità, riconoscimento volto a premiare i cittadini che si sono distinti nel loro contributo alla comunità.

Una serata dedicata alla musica, all’arte e alla moda che ha unito la modernità alla tradizione per dare risalto al valore di queste terre che, pur colpite dal sisma, hanno ancora molto da offrire.

Indicativo, in questo senso, è stato il dono dell’artista Gabriella Costanzi che deciso omaggiare la città di Borbona con un quadro dal preciso significato. La tela ritrae un mandorlo, da qui il suo titolo Il Mandorlo In Fiore, albero apparso in sogno alla pittrice proprio mentre stava cercando l’ispirazione per la sua opera.

Un sogno provvidenziale perché il mandorlo, secondo il linguaggio onirico, significa resistenza alle difficoltà della vita e alla capacità di affrontarle e risolverle. Simbolo di una nuova vita, quindi, che si sposa perfettamente anche con il territorio borbontino che, non a caso, ha una località che si chiama proprio Villa Mandorla.

«Il quadro – ha spiegato il sindaco Di Gaspare – sarà esposto in una sala consiliare del comune della città insieme alle altre opere donate nelle precedenti edizioni e verrà considerata come l’emblema di una nuova primavera cioè di una ripartenza pronta a fiorire».

Non sono mancati nemmeno i momenti musicali, accompagnati dalla voce della cantante Paola Urbinati, e soprattutto, quelli dedicati alla moda con l’ormai consueta sfilata che illumina di colore la magnifica scalinata che si eleva sulla piazza.

Le modelle hanno rubato la scena mostrando prima gli abiti della modellista sartoriale Laura Di Paolo e poi quelli della “Boutiqui Callistè” di Patrizia Biondi. L’ultimo défilé è stato invece dedicato agli abiti tradizionali insieme ai quali, sono stati esposti gli oggetti quotidiani della vita di campagna.

Tra gli ospiti della serata, Massimo Meschino responsabile del Lazio e del Molise per il concorso Una Ragazza per il Cinema, che vedrà le finali nazionali a Taormina il prossimo settembre, alle quali parteciperanno ben due ragazze presenti alla sfilata.

Un altro nome importante è stato quello dello speciale guest, il giovanissimo cantante Matteo Sica, vincitore del Deejay Contest promosso da Radio Deejay, che ha allietato il pubblico con il singolo che lo ha portato al successo Fino a Tre e con il suo ultimo brano Traffico.

In conclusione di serata il sindaco, con l’assessore Tocchio, hanno consegnato i premi Borbonitinità a chi ha dimostrato dedizione alla cittadinanza. Nell’ordine, i vincitori sono stati: gli organizzatori del torneo “Terzo Tempo” Andrea Durante e Maria Celli, gli abitanti del Rione Chetocchio, i ragazzi del Centro Giovanile di Borbona e Roberta Di Muzio.

Piccolo cambio di programma, invece, per quanto riguarda il premio rivolto alle ragazze impegnate nella sfilata. Differentemente dalle edizione precedenti, infatti, non c’è stata l’elezione di una miss ma è stata regalata ad una fortunata ragazza di nome Flavia, selezionata secondo un’estrazione a sorteggio, una giornata alla SPA.

Rispondi