Aperte le iscrizioni al Festival Internazionale del Teatro Potlach

Dal 23 giugno al 9 luglio: 16 giorni di spettacoli, laboratori e Scuola del Teatro Potlach di Fara Sabina

Sono aperte le iscrizioni al Flipt – Festival laboratorio Interculturale di Pratiche Teatrali del Teatro Potlach di Fara Sabina. Sedici giorni di laboratori, spettacoli e dialoghi dedicati all’incontro e allo scambio creativo tra diverse culture della performance. Al centro di tutto l’attore: in teatro, nel cinema e nei nuovi media.

Quest’anno il confronto avverrà tra artisti provenienti da Indonesia, Iran, Danimarca, USA, Brasile, Ungheria e Italia, che porteranno al festival il proprio contributo attraverso la condivisione della propria personale esperienza teatrale.

Dal 23 giugno al 9 luglio, nella sede del teatro diretto da Pino Di Buduo, pedagoghi di livello internazionale si avvicenderanno nella conduzione di workshop dedicati alla regia e agli elementi fondativi della presenza scenica dell’attore nelle culture orientali e occidentali: dal 23 al 25 giugno Eugenio Barba e Julia Varley dell’Odin Teatret (Danimarca) condurranno il laboratorio “la struttura drammatica: esercitazioni di montaggio”. Seguirà dal 26 al 29 giugno un seminario di Commedia dell’Arte, condotto dal maestro Claudio De Maglio; e nell’ultima settimana, dal 4 al 7 luglio, un laboratorio sulla danza e la maschera balinese tenuto da I Wayan Bawa (Bali). Tutte le sere uno spettacolo di compagnie provenienti da Danimarca, Iran, USA, Brasile, Ungheria, Indonesia e Italia. Tutti i pomeriggi la Scuola del Teatro Potlach che porterà alla costruzioni di due grandi spettacoli corali: “La tempesta”, che sarà presentata l’1 e il 2 luglio, e “Città Invisibili”, che chiuderà il Festival l’8 e il 9 luglio, e vedrà la partecipazione di oltre 150 artisti internazionali e locali.

Un Festival sempre più grande e di ampio respiro, che porta a Fara Sabina e nel territorio reatino delle eccellenze artistiche e pedagogiche.
Per maggiori info consultate il sito del Teatro Potlach e scrivete a: ireneteatropotlach@gmail.com

Rispondi