170 studenti impegnati nel rilancio post sisma con il progetto comunale di Alternanza Scuola Lavoro

Un progetto comunale di Alternanza Scuola Lavoro mette in rete sei istituti scolastici superiori della città di Rieti: 170 alunni e un motivato team di docenti per la realizzazione di una impresa turistico-culturale.

L’ambizione è quella di stimolare un bene immateriale preziosissimo: la curiosità. Fondamentale il supporto della Camera di Commercio, per dare concretezza alla dimensione aziendale dell’Alternanza Scuola Lavoro, e delle istituzioni culturali cittadine che detengono patrimonio da svelare e raccontare come l’Archivio di Stato, l’Ufficio Beni Culturali della Curia, la preziosa biblioteca “Paroniana” e le collezioni del Museo Civico.

Altrettanto interessante la collaborazione con la Sovrintendenza Speciale al Sisma: gli studenti avranno l’opportunità di visitarne i depositi, con relativo laboratorio di restauro, presso la ex caserma della Forestale di Cittaducale, per cogliere il valore della Memoria di fronte a un evento distruttivo.

L’iniziativa intende stimolare una riflessione fresca, ma consapevole, nelle giovani generazioni, rispetto alla realtà di appartenenza e al grande tema del rilancio economico-sociale del territorio all’indomani del sisma, attraverso una valorizzazione del patrimonio culturale, storico artistico e ambientale-paesaggistico da integrare con l’offerta enogastronomica, dello sport e dell’intrattenimento.

Gli studenti si cimenteranno in alcune macroaree di riferimento, seguendo le vocazioni dei singoli curricoli scolastici: il tema dell’economia sostenibile attraverso l’esperienza identitaria dei Cammini sarà sviluppata dall’istituto Tecnico Commerciale; quello dell’acqua, che ha segnato la storia economica e l’antropizzazione della conca reatina, sarà a cura dell’istituto per Geometri; la mappatura di tutta la ricchissima impiantistica sportiva e degli eventi connessi in città e al Terminillo vedrà l’impegno del Liceo Sportivo presso lo Jucci; la scoperta di antichi documenti, cabrei, disegni testimonianza dello spaccato storico-sociale sarà a cura del Liceo Artistico; il racconto di frammenti di patrimonio poco conosciuto sarà curato dal Liceo Linguistico.

Gli studenti realizzeranno “prodotti” testuali, grafici, fotografici, video o sonori per la realizzazione di un brand turistico in versione cartacea, digitale e per un’app turistica che sarà sviluppata da professionisti e strutturata grazie ad altri contributi specialistici. Tali materiali successivamente verranno “confezionati” dall’Amministrazione comunale, ma i ragazzi avranno la soddisfazione di ritrovare il loro lavoro, della loro “azienda” pubblicato, utile e bilingue.

Rispondi