Macchine Agricole: revisione e patentino per l’uso e la circolazione su strada

Confagricoltura Viterbo-Rieti ricorda che a far data dal 1 gennaio 2016 è disposta la revisione generale delle macchine agricole ai sensi dell’articolo 111 del D.Lgs. 285/1992 (nuovo Codice della strada) e del successivo DM 20 maggio 2015 con il quale è stata prevista una gradualità di applicazione, in funzione della tipologia di macchina.

Inoltre, per le sole trattrici viene specificata un’ulteriore gradualità secondo l’anno di immatricolazione, prevedendo un aggiornamento quinquennale da effettuarsi entro il mese corrispondente alla prima immatricolazione. La gradualità entro cui effettuare la revisione è la seguente:

Trattori agricoli immatricolati

Termine di scadenza entro cui effettuare la revisione

entro il 31/12/ 1973

il 31/12/2017

dal 1/01/1974 al 31/12/1990

il 31/12/2018

dal 1/12/1991 al 31/12/2010

il 31/12/2020

dal 1/01/2011 al 31/01/2015

il 31/12/2021

dopo il 1/01/2016

al 5° anno entro la fine del mese di prima immatricolazione

La prima scadenza, quindi, risulta essere quella del 31/12/2017, relativa ai trattori agricoli immatricolati entro il 31/12/1973.

Confagricoltura Viterbo-Rieti sottolinea che il quadro normativo relativo alla revisione non è ancora completo perché deve essere ancora emanato il decreto di cui all’articolo 5 del DM 20 maggio 2015, che deve disciplinare tra l’latro:

  • la definizione delle modalità di esecuzione della revisione;

  • la possibilità di effettuare tale revisione mediante unità mobili.

Anche con il supporto delle altre organizzazioni degli utilizzatori di macchine agricole, si sta lavorando con i Ministeri competenti per addivenire ad un testo condiviso che tenga conto della necessità di prevedere:

  • un unico soggetto istituzionale deputato alla verifica dei controlli in sede di revisione;

  • punti di controllo di semplice rilevazione;

  • tariffe che siano in linea con quelle degli autoveicoli;

  • una procedura semplificata per l’aggiornamento dei documenti di circolazione.

L’articolo 111 del “nuovo codice della strada” dispone non solo la revisione obbligatoria delle macchine agricole soggette ad immatricolazione, ma stabilisce anche la necessità di definire i criteri, le modalità ed i contenuti della formazione professionale per il conseguimento dell’abilitazione all’uso delle macchine agricole.

Ne consegue che a far data dal 1 gennaio 2016 è necessario prestare attenzione al rispetto dell’obbligo del patentino non solo in ambito lavorativo ma anche in sede di circolazione stradale, naturalmente oltre alla regolare patente di guida.

E’ utile comunque ricordare che gli operatori agricoli in possesso, al 31 dicembre 2015, di esperienza, almeno di due anni, nell’utilizzo del trattore, attestata da apposita autocertificazione, possono continuare ad utilizzare le suddette attrezzature, in attesa di frequentare il corso di aggiornamento entro il 13 marzo 2017.

Rispondi