Scuola

Dall’olio della Sabina le saponette del Rosatelli

“Nascere non basta. È per rinascere che siamo nati”. Hanno scelto le parole di Pablo Neruda gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Celestino Rosatelli, per presentare Saponi di Sabina, l’azienda che vede protagonista la quarta classe del corso biotecnologie sanitarie.

“Nascere non basta. È per rinascere che siamo nati”. Hanno scelto le parole di Pablo Neruda gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore Celestino Rosatelli, per presentare Saponi di Sabina, l’azienda che vede protagonista la quarta classe del corso biotecnologie sanitarie.

A palazzo Dosi l’interessante incontro, aperto dalle immagini delle zone di Amatrice, prima e dopo il devastante sisma, che ha commosso i tanti presenti, tra i quali i coetanei dell’Istituto Professionale Statale per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera Varnelli di Camerino, in provincia di Macerata.

L’iniziativa del Rosatelli rientra nel progetto “Apprendere per Riprendere” nato dalla creatività Vises, Ong volontari Iniziative Sviluppo Economico Sociale, che punta a supportare lo sviluppo delle nuove generazioni nelle aree colpite dal sisma del 2016. È un progetto di alternanza scuola lavoro inserito nelle attività del protocollo d’intesa siglato tra Miur e Federmanager, presente a Rieti con Paolo Cucinotta, Mauro Marchi e il mentor Attilio Cipollone.

Presenti anche Roberta Terzi e Valentina Vangoni di Vises. “Speriamo – hanno detto ai protagonisti – di esser riusciti a farvi scoprire i talenti dentro di voi. Abbiamo una grande responsabilità di creare stimoli ed opportunità che vi permettano di esprimere le vostre potenzialità e realizzarvi con soddisfazione nella vita e nel lavoro”.

«La tragedia del terremoto – hanno spiegato i ragazzi – Ci ha spinto a cercare di realizzare qualcosa di buono, partendo da una eccellenza del nostro territorio, l’olio d’oliva della Sabina. La nostra formula segreta è fatta di impegno, collaborazione, metodo, ma soprattutto tanta passione».

I presenti hanno ricordato gli inizi, le fasi di brainstorming, l’importanza dei tutor e del lavoro degli insegnanti, fino all’ottenimento della ricetta perfetta.

«Con questo progetto abbiamo fatto in modo di anticipare le competenze trasversali di cui parla la Commissione Europea – ha detto emozionata la dirigente scolastica del Rosatelli Daniela Mariantoni – La nostra non è una impresa simulata, ma vera, reale. Magari questi ragazzi non saranno competitivi con le imprese già navigate, ma nel loro percorso si sono trasformati in maniera incredibile, divenendo i protagonisti del processo di apprendimento».

Per maggiori informazioni è possibile scrivere all’indirizzo saponidisabina@gmail.com oppure contattare l’azienda al numero di telefono 0746-201387.

Rispondi