Confcommercio

Workshop di approfondimento del bando INVITALIA “Resto al Sud”

Il workshop vedrà un esperto in materia di finanza agevolata illustrare tutte le caratteristiche del bando, riservando nella parte finale dell’incontro, un momento di question time a disposizione degli intervenuti

Il supporto alle MPMI nella ricerca di strumenti di finanza agevolata per progetti di ampliamento e sviluppo della propria attività è da sempre nella mission di Confcommercio Lazio Nord; con l’avvio dello sportello “StartUp Lazio Nord” – ideato dai Giovani Imprenditori – la stessa attenzione è stata dedicata anche alla nascita di nuove attività imprenditoriali soprattutto da parte delle nuove generazioni che vogliono investire nel territorio.

Proprio loro sono i destinatari del workshop “Resto a Rieti”, un momento di approfondimento sul bando gestito da INVITALIA “Resto al Sud” – già attivo dal 2017 e destinato a professionisti e giovani aspiranti imprenditori – che, nell’ultimo decreto Sisma, è stato esteso anche alle zone colpite dal terremoto del 2016. Produzione di beni, fornitura di sevizi alle imprese/persone e turismo sono gli ambiti nei quali è possibile presentare il proprio progetto imprenditoriale che, se approvato, può ricevere un contributo a fondo perduto pari al 35% ed un finanziamento garantito dal Fondo di Garanzia pari al 65% i cui interessi sono coperti da un contributo specifico.

Il workshop vedrà un esperto in materia di finanza agevolata illustrare tutte le caratteristiche del bando, riservando nella parte finale dell’incontro, un momento di question time a disposizione degli intervenuti.

L’invito è aperto a tutti; specificatamene verranno chiamati a partecipare in qualità di uditori i giovani imprenditori o aspiranti tali del territorio, i giovani professionisti, alcuni esponenti delle amministrazioni ed enti locali operanti nel settore delle attività produttive, l’ordine degli Architetti e degli Ingegneri, il mondo Universitario.

«Riteniamo essenziale coinvolgere i ragazzi che frequentano gli ultimi anni dei corsi universitari perché sono le future generazioni di professionisti e perché crediamo fermamente che tali professionalità vadano incentivate a restare sul territorio attraverso un percorso di avvicinamento alle imprese già esistenti ma anche dando loro tutto il supporto per fare impresa sul territorio. Per ripartire occorre guardare alle generazioni future in grado di portare valore aggiunto al territorio sia dal punto di vista delle competenze sia per l’intraprendenza che esse stesse hanno per natura; disperdere e far “migrare” altrove i giovani che si formano presso la nostra università, oltre che perdere possibilità di crescita, vuol dire anche perdere tutte le risorse investite».

Appuntamento per venerdì 15 Novembre ore 15:00 presso la sede Confcommercio Lazio Nord di Largo Cairoli 2.

Rispondi