Rieti

Il 14 giugno una campagna informativa sulla prevenzione dei tumori maschili

Fine vita: quattro nodi da sciogliere sulle Dat

La Lega Italiana per la Lotta i tumori ha indetto per il 14 giugno una “Campagna informativa per la prevenzione dei tumori maschili” dal nome “Proteggiti dai colpi bassi” rivolta agli uomini.

Si tratta in pratica di una campagna per la prevenzione del tumore della prostata, invitando tutti gli interessati a rivolgersi alla Sezioni provinciali.

Allo scopo di partecipare attivamente a un’iniziativa tanto importante, la Sezione provinciale di Rieti, in via dei Salici 65 sarà aperta nel pomeriggio del 14. Nel suo ambulatorio sarà presente il dott. Piero De Carli primario urologico del San Camillo. Il laboratorio Igea resta a disposizione di soci Lilt e non per il Psa gratuito.

Nei giorni scorsi nella stessa sede provinciale nel corso di un’affollata assemblea il presidente dott. Enrico Zepponi ha presentato ai soci e agli ospiti i professionisti che si sono messi a disposizione della Sezione LIlt per svolgere la loro attività volontaria e gratuita.

La manifestazione coordinata dal vice presidente Flavio Fosso dopo l’introduzione del presidente Zepponi ha avuto come speciale moderatrice la dr.ssa Maria Grazia Morandi dirigente medico UOC oncologia medica.

L’assessore comunale Giovanna Palomba ha portato i saluti dell’Amministrazione, dichiarandola attenta alle esigenze del volontariato.
La dottoressa Morandi, dopo aver svolto un’ampia relazione, ha invitato i dottori volontari ad illustrare le proprie specializzazioni. La psicologaMaria Costanza Ciancarelli ha parlato dello sportello di ascolto per malati oncologici e di colloqui di supporto psicologico; la biologa nutrizionista  Francesca Donati ha illustrato i corretti stili alimentari per prevenire i tumori; il dottor Carmine Sicuranza ha parlato di tecniche di rilassamento, omeopatia, fitoterapia, nutrizione in oncologia agopuntura applicate alla prevenzione.

Infine il presidente ha parlato dei risultati raggiunti e della grande attività svolta nel mese di giugno sia nell’ambulatorio sezionale sia in quello itinerante.

Previous ArticleNext Article

Rispondi