Il vescovo ai sindaci: «Appartenenza, coerenza e pazienza»

Priorità alle infrastrutture, appartenenza al territorio, coerenza tra fini e mezzi, pazienza nel cercare soluzioni e intese: questi i richiami che il vescovo Pompili ha offerto ai sindaci del perimetro diocesano in un incontro organizzato dall’Ufficio Problemi Sociali e Lavoro. Un discorso innestato sui problemi sollevati dai sindaci – oltre al terremoto, lo spopolamento, la compressione dei servizi, la mancanza di risorse – e sulle analisi proposte dai quattro parlamentari eletti in occasione delle ultime consultazioni politiche

Il cappuccio di san Francesco per costruire pace e bene

Da 800 anni, senza interruzioni, a Corvaro si celebra un momento di autentica devozione legato alla reliquia del cappuccio di san Francesco. In processione, la preghiera viene intervallata dal canto “Son terziario francescano”, di antica memoria, che attesta la grande tradizione francescana di Corvaro e del Cicolano. Un fatto al quale ha voluto appellarsi padre Marino Porcelli per lanciare alla parrocchia una provocazione: perché non ricostituire un gruppo di Terziari?

Un ragionamento da fare… con i piedi

«L’idea è spiegare a tutti, soprattutto ai giovani, i benefici del camminare. In tanti hanno perso la consuetudine con questa che è l’attività più naturale per l’uomo. L’uomo è nato per camminare e il camminare restituisce la persona agli aspetti più veri del suo stare al mondo».

Il vescovo visita Shire e Phoenix: «la proprietà sta nel contributo di ciascuno»

Nel mese di aprile, prosegue il ciclo di visite del vescovo Domenico nelle aziende reatine per la benedizione pasquale. Un ciclo di incontri che nella mattina dell’11 aprile ha visto mons Pompili, accompagnato dal direttore dell’Ufficio Problemi Sociali e Lavoro, don Valerio Shango, recarsi in due importanti realtà del nucleo industriale reatino: la Shire e la Phoenix.

Venerdì Santo, il vescovo: «Nessun dolore è inutile, l’amore di Dio porta tutto a compimento»

Durante la liturgia del Venerdì Santo, il vescovo Domenico ha rivolto la sua riflessione sul mistero della croce ricordando come nei secoli abbia rappresentato il simbolo del dolore umano e come, più di recente, essa è diventata anche il segno «della debolezza di Dio in questo mondo e del suo essere per gli altri fino in fondo».

Al Borgo, esperienze “verdi” per la Quaresima

È stato un bell’esperimento, tra fede ed ecologia, quello vissuto dai bambini della scuola dell’infanzia del Borgo insieme alla parrocchia di San Michele Arcangelo. Accompagnati dal parroco, mons Benedetto Falcetti, i piccoli hanno piantato alcuni semi in una serie di vasi all’inizio della Quaresima, per poi tornare tutti i giorni.

Alla Messa Crismale: riportare Dio tra gli uomini per suscitare speranza

È stata una liturgia di grande intensità quella della Messa Crismale presieduta dal vescovo nel pomeriggio del Mercoledì Santo nella Basilica Cattedrale di Santa Maria. Una «epifania della chiesa» che ha visto riuniti i fedeli e il presbiterio attorno al vescovo, dal quale è arrivato l’invito ad essere sempre in ascolto e al servizio della Parola: «Leggere la Parola, infatti, non è un atto inoperante e innocente; è liberare una forza che immediatamente entra in azione»

Mons Pompili ha scelto il Pro-Vicario Generale: è mons Luigi Aquilini

«Ho insistito perché accettasse a condividere la responsabilità – ha spiegato il vescovo – per la sua lunga esperienza di parroco ad Amatrice, per il suo tratto umano e accogliente, per il suo essere ancora oggi un camminatore, mai stanco. A nessuno sfugge che il suo personale coinvolgimento nel terremoto dove ha perduto tutto, è un simbolo di quello ferita che attende di essere guarita nei prossimi anni».