Amatrice, cresce l’attesa per l’ingresso nelle «casette»

  • Page Views 222
  • (da «Lazio Sette») Sei mesi sono già passati, incontrando nel loro scorrere diversi sentimenti: il dolore, lo smarrimento, la rabbia, la speranza. Sei mesi di lavoro, incessante, di promesse (tante), di solidarietà. Eppure, per le popolazioni del Centro Italia colpite (e ancora scosse) dal terremoto, sembrano prossimi i giorni in cui finalmente avranno le prime risposte concrete. Almeno per i cittadini di Amatrice, dove è attesa per venerdì 10 marzo la consegna delle prime 25 Sae (Soluzioni abitative di emergenza), le casette assegnate nelle scorse settimane, per le quali sono in corso i lavori per ultimare le opere di urbanizzazione, e per il 20 marzo la consegna della mensa area food.

    Lo ha comunicato il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, facendo il punto della situazione sui lavori in corso e sottolineando come la macchina amministrativa sia riuscita a superare moltissimi ostacoli non solo di carattere burocratico, ma anche geografico: il comune di Amatrice è infatti l’undicesimo del Lazio per estensione ed è vasto 174 chilometri quadrati, e comprensivo di 69 frazioni.

    «Nonostante la dimensione dei danni e le difficoltà procedurali per la messa a disposizione delle aree – ha detto Pirozzi – ad oggi mi ritengo soddisfatto. Sono 37 le aree individuate, e di queste pochissime quelle ancora da consegnare alla Regione Lazio e per le quali stiamo procedendo alla presa in possesso dei terreni. È stato faticoso, perché oltre a quelle che serviranno per accogliere i residenti del centro storico di Amatrice, abbiamo individuato anche le aree di prossimità alle frazioni, e poi l’area food e le aree commerciali. Si è voluta fare una scelta di buon vivere perché, come dico spesso, noi non siamo terremotati, ma sfrattati a tempo. Non si molla, perché amiamo questo territorio, e amarlo significa anche non voler sradicare le persone dalle loro frazioni».

    Sempre ad Amatrice, sono iniziate il 1 marzo le operazioni di demolizione dell’ospedale Francesco Grifoni: i vigili del fuoco, i carabinieri e tecnici del Comune, della Curia e del Mibact hanno proceduto al recupero delle opere d’arte e degli arredi sacri nell’ala antica dell’ospedale sorto attorno all’ex convento dei Cappuccini struttura, questa, che custodisce anche la cella dove dimorò San Giuseppe da Leonessa, e che non sarà interessata dalla demolizione, ma sarà recuperata.

    I vigili del fuoco hanno provveduto a mettere in salvo anche l’archivio del Grifoni, che si trovava nel seminterrato. Intanto sono arrivati ad Amatrice anche i primi moduli del Pass della Regione Lazio, la struttura sanitaria che sarà allestita all’interno dell’istituto Don Minozzi. Intanto, sull’emergenza abitativa, anche la Regione Lazio ha fatto il punto della situazione: «In totale – comunicano dalla Pisana – sono 673 le Sae da realizzare: 21 le gare indette, 13 per Amatrice e 8 per Accumoli, per un totale di 379 Sae, 236 ad Amatrice e 143 ad Accumoli, oltre alle 125 realizzate dall’esercito per un totale di 503. Sono stati avviati i lavori su 14 cantieri (9 Amatrice e 5 Accumoli). Risultano assegnate già dal Comune 25 casette nel Campo Lazio nella zona centrale di Amatrice e montate già 60 casette presso il Campo 0 e area Anpas. Entro Pasqua dovrebbero essere realizzate circa 400 casette».

    Share

    Rispondi

    Ultime notizie More



    In italia More

    • 24 marzo 2017
      2 giorni ago No comment

      Vasco Errani: la riapertura del Duomo di Carpi, «un evento altamente significativo»

      “Un evento altamente significativo”. Con queste parole Vasco Errani, il commissario straordinario per la ricostruzione delle zone terremotate del Centro Italia, commenta al Sir la riapertura della cattedrale di Santa Maria Assunta, in programma per domani, dopo quasi cinque anni dal sisma che nel maggio 2012 ha colpito il ...


    In europa Sample Sub Title More


    Nel mondo More

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: