Una squadra davvero Re’A’l

Impresa storica per il Real Rieti che sconfigge il Cogianco Genzano in finale e vola nella massima serie nazionale di calcio a 5.

E siamo a quattro. Quattro promozioni in altrettanti anni per il Real Rieti, e il sogno del suo presidente Roberto Pietropaoli diventa realtà. Nessuno sembrava credere all’inizio al suo progetto giudicato troppo ambizioso per una città come Rieti; pian piano tutti si sono dovuti ricredere e possono ora festeggiare l’incredibile traguardo della serie A. Niente è impossibile per chi crede veramente ai propri sogni.

La cronaca ci porta a raccontare una doppia sfida contro il Cogianco Genzano condotta dall’inizio alla fine, dominando in casa e controllando con disarmante tranquillità la partita di ritorno. 8 – 4 il punteggio dell’andata al pala Sojourner per la squadra di coach Cafù e vittoria in rimonta anche a Genzano per 1 – 2. Il successo del Real Rieti è anche merito del suo pubblico, di chi ha sempre seguito la squadra: 1500 spettatori hanno riempito il pala Sojourner nella prima partita di finale e ben 200 i reatini al seguito dei propri beniamini al ritorno, con annessa grande festa direttamente sul campo “nemico”. Strepitosa la prova di tutti i giocatori e in particolare di Teixeira, arrivato a ben 40 gol stagionali, realizzati soprattutto nei momenti decisivi del campionato. Una squadra che ha saputo tenere i nervi saldi quando gli avversari provavano a innervosire l’incontro, e soprattutto ha dimostrato la grande capacità di saper aspettare il momento giusto per colpire.

E adesso, come dice lo stesso Pietropaoli, si guarda subito avanti, all’iscrizione in Serie A e ai parametri da rispettare. Speriamo nel sostegno di tutta l’amministrazione per una squadra che ha meritatamente raggiunto i propri obiettivi, riportando la città di Rieti nella massima serie di un campionato a squadre. Siamo convinti che non si ripeteranno le solite polemiche tra associazioni sportive e politica locale sui mancati aiuti che, invece, hanno caratterizzato gli ultimi anni di calcio e basket.

Infine va dato grande merito alle capacità manageriali di Pietropaoli che ha azzeccato gli acquisti e non si è scomposto dopo il cambio allenatore e le varie polemiche avvenute a campionato in corso. Dritto per la sua strada, è riuscito a superare ogni difficoltà, ottenendo ciò che voleva e ora si prepara ad affrontare l’esperienza Serie A con entusiasmo e soddisfazione. Non sarà facile, ma Pietropaoli, con la sua determinazione, è sempre riuscito ad andare oltre ogni limite prefissato.

Ed il sogno non è finito.

 

Rispondi