Scuola

Un processo penale simulato per capire la professione forense. L’esperienza degli studenti del Magistrale

Nella mattina del 19 novembre, gli alunni vestiranno i panni di tutti i protagonisti di un processo penale: giudici, pubblico ministero, vittima, imputati, avvocati difensori degli imputati e della parte civile, cancelliere, ufficiale giudiziario, testimoni

Un processo penale simulato nell’Aula “Caperna” del Palazzo di Giustizia: si conclude così il percorso di alternanza scuola-lavoro con cui trentacinque ragazzi dell’Istituto Magistrale Statale “Elena Principessa di Napoli” di Rieti sono stati guidati alla scoperta della professione forense e, in particolar modo, della funzione sociale dell’avvocato.

Nella mattina del 19 novembre, gli alunni vestiranno i panni di tutti i protagonisti di un processo penale: giudici, pubblico ministero, vittima, imputati, avvocati difensori degli imputati e della parte civile, cancelliere, ufficiale giudiziario, testimoni. Il caso sarà ambientato nella città di Rieti e vedrà una storia di bullismo ed estorsione posta in essere da tre ragazze minorenni ai danni di una compagna di scuola.

Sono impegnati nella preparazione del processo e nell’assistenza in aula dei ragazzi, insieme ai Sostituti Procuratori Rocco Gustavo Maruotti ed Edoardo Capizzi, gli avvocati Antonella Aguzzi, Morena Fabi e Marco Arcangeli.

Al termine del processo, il Presidente del Tribunale, Pierfrancesco De Angelis, e il Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Rieti, Luca Conti, saluteranno i ragazzi ponendo l’attenzione sugli obiettivi dell’attività: la sperimentazione di quanto facilmente si può essere coinvolti in attività di prevaricazione, seppur con ruoli di concorrenti o di conniventi; la partecipazione empatica al dolore della vittima; la scoperta della possibilità di porre in essere condotte riparative.

Al processo assisteranno le tutor esterne del progetto: avvocate Alessandra Tilli, Alessandra Di Loreto, Anna Lisa Ciancarelli e Alessandra Mostarda, nonché le professoresse Stefania Ciancarelli, Patrizia Dionisi e Beatrice Tempesta, tutor interne delle classi IV A, IV G e IV F.

L’iniziativa è organizzata dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Rieti in collaborazione con il Tribunale di Rieti, con la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rieti e con l’Associazione Nazionale Magistrati Sezione di Rieti, nell’ambito del progetto dell’Azienda Sanitaria Locale “Be the Change”, che aderisce al progetto nazionale di ASL e Consiglio Nazionale Forense.

Rispondi